Rangnick: “Ammiro il Milan. Io in rossonero? Ecco la verità”

Ralf Rangnick, ex allenatore del Lipsia, ha parlato del suo legame con il club rossonero e anche delle voci di mercato sul suo conto.

Ralf Rangnick
Ralf Rangnick (©Getty Images)

Ralf Rangnick è considerato una sorta di genio del calcio moderno. Ex centrocampista tedesco, mai ad alti livelli, si è imposto come allenatore e talent scout negli ultimi anni.

Oggi è il responsabile dello scouting dell’universo Red Bull, lavorando in pratica per le varie squadre di calcio sponsorizzate alla nota azienda di bevande energetiche.

Il suo capolavoro però è stato l’incarico al Lipsia, dove ha svolto il ruolo di direttore sportivo ed allenatore. Rangnick è stato in grado di portare il club tedesco dalla quarta serie fino a dominare l’attuale Bundesliga.

Tante le voci sul suo futuro: in autunno era stato persino accostato al Milan, che avrebbe pensato al tedesco per rilanciarsi dopo i recenti risultati negativi e progetti fallimentari.

Voci infondate, come riportato da Rangnick stesso nell’intervista esclusiva con Calciomercato.it di oggi: “Non ho mai avuto contatti con il Milan. Ma quando ero all’inzio della mia carriera, guardavo ai rossoneri con grande ammirazione”.

Il suo modello, neanche a dirlo, fu un certo Arrigo Sacchi: “Seguivo con il Milan e il lavoro di Sacchi con grande attenzione, giocavano esattamente il tipo di calcio che amavo e probabilmente sono la squadra e l’allenatore che hanno influenzato maggiormente lo sviluppo del mio lavoro e della mia carriera”. 

E chissà che in futuro una chiamata da Milanello non possa convincerlo a intraprendere una nuova avventura in panchina.

Milan, ecco Kjaer: visite mediche in corso per il difensore