Milan, Pioli sorride: “Ibrahimovic un leader, bel tandem con Leao”

Stefano Pioli al termine di Cagliari-Milan è soddisfatto: le sue dichiarazioni nel post partita sono state di elogio per i suoi ragazzi.

Pioli e Kessie
Stefano Pioli e Franck Kessie (©Getty images)

Finalmente può sorridere e parlare del suo Milan con enfasi. Stefano Pioli è reduce da un successo bello, netto e meritato, come si auspicava da tempo.

Il 2020 del Milan parte ora. Con un 2-0 sul temibile campo del Cagliari. E con i meriti di mister Pioli, che ha dato prova di flessibilità, andando a cambiare in corsa lo schieramento e l’impostazione tattica della squadra.

Il 4-4-2 si è rivelata, almeno ieri pomeriggio, una scelta azzeccata. Con Zlatan Ibrahimovic che ha giocato subito da leader. Lo ha ribadito Pioli nel post-partita di ieri: “Zlatan è un punto di riferimento, un giocatore sopra categoria. Prima palleggiavamo molto da dietro, ora sappiamo che abbiamo una punta che può fare molte cose e qualche volta possiamo provare a giocare direttamente su di lui scavalcando gli avversari”.

Come riporta la Gazzetta dello Sport, si sono rivelate fondamentali le due punte dall’inizio, entrambe in gol: “L’importante è mettere accanto a Zlatan giocatori che attaccano la profondità. Rafael Leao ha le caratteristiche giuste per strappare e attaccare gli spazi. Nel primo tempo avrebbe potuto fare qualcosa in più, ma sa muoversi in un certo modo”.

E Piatek? Il grande escluso di ieri resta comunque nelle grazie di Pioli, almeno per ora: “Kris è un giocatore del Milan, non sapevo se Zlatan avrebbe potuto tenere per novanta minuti, se avessi avuto bisogno di sostituirlo sarebbe entrato lui. Questo deve essere l’inizio di qualcosa, ma dobbiamo dare continuità. Possiamo ancora cambiare l’esito della nostra stagione. Io ci credo”.

IZ Back! Ibrahimovic già mostruoso: Milan corsaro a Cagliari