L’Episodio – Pioli, mossa vincente: Bonaventura delude, Rebic entra e ribalta il match

Focus sull’episodio chiave del match di sabato tra Milan e Udinese. Impossibile non fare luce sulla sostituzione che ha cambiato la sfida.

Kessie e Rebic
Ante Rebic e Franck Kessie (©Getty Images)

Torna la rubrica della redazione di MilanLive.it, incentrata sull’episodio determinante delle gare giocate in campionato dalla squadra di Stefano Pioli.

Ieri nel lunch-match della 20.a giornata di Serie A il Milan è riuscito a trovare un successo a dir poco vitale. Il 3-2 sull’Udinese in rimonta ha confermato il buon momento dei rossoneri, dopo le vittorie su Cagliari e SPAL della scorsa settimana.

La vittoria è arrivata soprattutto grazie ad un’intuizione di mister Pioli, che ha gettato nella mischia al momento e al posto giusto Ante Rebic. E pensare che fino a l’altro ieri il croato era considerato un oggetto misterioso nella rosa del Milan.

MILAN, I DUE ACQUISTI CHE SERVONO PER L’EUROPA

Milan-Udinese, l’episodio decisivo: fuori Bonaventura, dentro un eroico Rebic

Il suddetto cambio arriva all’intervallo. In quel momento l’Udinese è in vantaggio sul Milan per 1-0, grazie alla rete di Larsen. Un primo tempo negativo dei rossoneri, poco pericolosi e messi sotto dall’ampiezza degli ospiti.

Esce Giacomo Bonaventura, che nei primi 45′ ha faticato persino a trovare la posizione. Partito come esterno sinistro di centrocampo, si è ritrovato spesso a cercare spazi tra le linee o come mezzala. Senza alcun risultato.

Pioli butta nella mischia Ante Rebic, autore di un discreta prova contro la SPAL in Coppa Italia. Il croato si piazza come seconda punta in una sorta di 4-2-4 ultra offensivo. Un’intuizione giusta e premiata.

Rebic costringerà la difesa friulana ad abbassarsi. Ma avrà soprattutto la brillantezza e la lucidità per pareggiare ad inizio ripresa: inserimento in area su cross di Conti e deviazione perfetta per il gol dell’1-1.

foto Lega Serie A

L’ex Eintracht è scatenato, gioca con naturalezza e sembra dialogare bene anche con Ibrahimovic. Pioli lo sposta a sinistra nel finale, dopo l’uscita di Castillejo. Rebic si trasforma in uomo della provvidenza: al 93′ mette a sedere due calciatori dell’Udinese e trova la conclusione giusta. 3-2 e vittoria in extremis che rilancia il Milan.

foto Lega Serie A

Complimenti ad un Rebic ritrovato, che può finalmente iniziare a fare sul serio. Ma anche ad un Pioli spesso sottovalutato, dimostratosi stratega in corso d’opera.

Suso a Casa Milan: si decide il suo futuro