Home Milan News Gazzetta – Fiorentina-Milan, le pagelle: Rebic implacabile, Begovic decisivo

Gazzetta – Fiorentina-Milan, le pagelle: Rebic implacabile, Begovic decisivo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:55

Fiorentina-Milan 1-1: le pagelle de La Gazzetta dello Sport. Spiccano le prove positive del solito Rebic e dell’esordiente Begovic. Difesa troppo ballerina.

Rebic Fiorentina-Milan
Ante Rebic in Fiorentina-Milan (©Getty Images)

Come di consueto la Gazzetta dello Sport di oggi ha pubblicato voti e pagelle relative al match di campionato tra Fiorentina e Milan, conclusosi sul punteggio di 1-1.

La squadra di Stefano Pioli vanta duplici giudizi in linea generale: positiva la conduzione del match, visto che il Milan ha dominato per 2/3 di gara andando meritatamente in vantaggio. Male però la gestione del risultato e il calo di ritmo visto nel finale, nonostante la superiorità numerica.

LEGGI ANCHE: FIORENTINA-MILAN, L’ANALISI DEL MATCH

Fiorentina-Milan 1-1, le pagelle dei rossoneri

foto Gazzetta dello Sport

Secondo la ‘rosea’ il migliore in campo è sempre lui. Ante Rebic, autore del sesto gol in sei gare di campionato. Scaltro nell’approfittare degli errori viola, spina nel fianco della difesa avversaria. Voto 7 per il croato.

Stessa valutazione per il debuttante Asmir Begovic. Gettato nella mischia al posto dell’acciaccato Donnarumma, il portiere bosniaco per poco non para il rigore di Pulgar, ma si supera nel finale evitando il gol-beffa di Caceres.

Positivo l’apporto di Zlatan Ibrahimovic (voto 6,5). Peccato per la splendida rete annullata, ma lo svedese è spesso pericoloso e costringe Dalbert ad abbatterlo con un fallo da ultimo uomo.

Sufficiente la prova della maggior parte dei milanisti ieri in campo. Voto 6 anche per Matteo Gabbia, all’esordio da titolare in Serie A. Se la cava senza troppi problemi nel duello con Vlahovic, ma viene sostituito quando il Milan inizia ad andare in affanno.

Tre i bocciati, tutti in difesa: voto 5,5 per Conti, Romagnoli e Musacchio. Il capitano paga l’episodio (dubbio) del rigore concesso alla Fiorentina. L’argentino entra in campo nel finale per dare sicurezza ed esperienza, ma il Milan ne risente ancor di più.

LEGGI ANCHE: CALVARESE, TUTTI GLI ERRORI DEL ‘FRANCHI’