Home Milan News Milan, crollo nei secondi tempi: il dato è emblematico

Milan, crollo nei secondi tempi: il dato è emblematico

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:54

Incredibile come i rossoneri nei secondi tempi abbiano perso tantissimi punti durante questa stagione. I dati sono chiari.

Hakan Calhanoglu Castrovilli Fiorentina Milan
Hakan Calhanoglu e Gaetano Castrovilli (©Getty Images)

Il Milan stagione 2019-2020 ha un difetto che sembra non riuscire a curare: spesso crolla nei secondi tempi delle partite ufficiali.

E’ successo di recente con esempi simbolici. Nel derby di ritorno con l’Inter, dopo il 2-0 del primo tempo, il Milan di Pioli si è fatto rimontare e battere per 4-2. O il pareggio subito in extremis sabato dalla Fiorentina, nonostante la superiorità numerica.

Insomma i rossoneri non riescono a mantenere il vantaggio e molto spesso si fanno rimontare o superare vanificando ciò che di buoni è stato fatto durante la prima parte del match.

I dati sono emblematici: come riporta Gazzetta.it, il Milan ha subito 23 reti su 32 complessive nei secondi tempi. Circa il 72% dei gol incassati in questa stagione è arrivato dunque nella ripresa, sintomo di un calo fisiologico e di concentrazione.

In particolare il Milan soffre i finali di partita: 11 gol sono stati presi nell’ultimo quarto d’ora. Troppi, per una squadra che deve fare il salto di qualità e tornare ad essere ai vertici del nostro campionato.

LEGGI ANCHE: MILAN, LE ULTIME SUGLI INFORTUNATI