Zaracho-Milan, operazione bloccata: i motivi

Il Milan per il momento deve dire addio all’operazione Matias Zaracho. L’argentino piace, ma senza Paolo Maldini è dura arrivarvi.

Matias Zaracho
Matias Zaracho (©Getty Images)

C’è da settimane aria di cambiamenti interni in casa Milan. Il licenziamento di Zvonimir Boban è soltanto il primo tassello di una sorta di rivoluzione dirigenziale.

Anche Paolo Maldini è in bilico, soprattutto dopo la presa di posizione dell’a.d. Ivan Gazidis. E senza l’ex capitano andrebbero a decadere diverse operazioni future che il Milan stava pianificando, anche sul mercato.

Una di queste riguarda Matìas Zaracho, fantasista argentino che da mesi è finito sul taccuino rossonero. Il Milan lo segue da tempo, con Maldini e compagnia che hanno fiutato un colpo stile Lautaro Martinez.

LEGGI ANCHE -> CORONAVIRUS, ANCHE CUTRONE INFETTATO

Zaracho, secondo le ultime news di Tuttosport, è un calciatore di grande prospettiva. Un classe ’98 che sarebbe utile sia da trequartista puro, sia da esterno offensivo.

Un profilo che piace molto, non a caso il Milan ha già preso contatti da tempo con l’agente Augustin Jimenez. Ma l’affare al momento è congelato, bloccato proprio dai possibili cambi nel management.

Gazidis infatti ha letteralmente messo in stand-by ogni decisione sull’area tecnico-sportiva presa in precedenza dal duo Maldini-Boban. Le scelte sul mercato estivo prossimo verranno prese dallo stesso a.d. e dal prossimo allenatore (Rangnick?).

A prescindere dal nuovo progetto tecnico, Zaracho sarebbe comunque un innesto interessante. Sia per età anagrafica (ha solo 22 anni), sia per i costi contenuti dell’operazione. Il talento del Racing Avellaneda viene valutato non più di 20 milioni di euro.

LEGGI ANCHE -> IBRAHIMOVIC E DONNARUMMA, FUTURO ANCORA DA DECIFRARE