Home Milan News CorSport – Donnarumma, le strategie di Raiola e del Milan

CorSport – Donnarumma, le strategie di Raiola e del Milan

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:20

Il Milan e Mino Raiola hanno le proprie idee per il futuro di Gianluigi Donnarumma. La scadenza contrattuale non è distante e le parti devono ancora dialogare sul rinnovo.

Donnarumma Gigio
Gianluigi Donnarumma (©Getty Images)

Il futuro di Gianluigi Donnarumma al Milan è fortemente incerto. La scadenza del contratto fissata al giugno 2021 costringe il club a prendere decisioni nette nei prossimi mesi.

O ci sarà il rinnovo oppure la cessione diventerà obbligatoria. Il Diavolo non può permettersi di perdere uno come Gigio a parametro zero tra un anno. Riuscire a prolungare l’accordo sarebbe un buon segnale per il progetto, ma in caso di vendita gli effetti per il bilancio sarebbero molto positivi. Alta plusvalenza e elevato risparmio sull’ingaggio.

LEGGI ANCHE -> ZACCHERONI DIFENDE BOBAN E MALDINI

Milan, scontro con Raiola per Donnarumma?

Oggi il Corriere dello Sport spiega che il Milan vorrebbe rinnovare il contratto di Donnarumma a cifre più contenute delle attuali. In società c’è la consapevolezza che questo tipo di strada è complicata da praticare. Il portiere campano percepisce 6 milioni di euro netti annui e difficilmente accetterà un taglio.

Il Milan sa probabilmente si ritroverà a dover cedere Gigio, il quale si trova bene a Milano ma ha anche l’ambizione di giocare in Champions League. Ci sono squadre interessate ad acquistarlo e di fronte a una buona offerta il trasferimento si può concretizzare.

Il CorSport scrive che la strategia di Mino Raiola, agente di Donnarumma, sarebbe quella di portare il suo assistito a scadenza nel 2021. Ciò permetterebbe all’estremo difensore rossonero di andarsene a parametro zero scegliendo con tranquillità la sua destinazione.

Un’ipotesi che ovviamente al Milan non possono prendere in considerazione. Il danno economico sarebbe enorme. Inoltre, lo stesso Donnarumma non lascerebbe mai Milano con questa modalità. La rottura con l’ambiente sarebbe di quelle imperdonabili, dopo essere riuscito a ricucire i rapporti coi tifosi nelle ultime stagioni.

LEGGI ANCHE -> MILAN, REBUS SUL FUTURO RUOLO DI RANGNICK