Home Calciomercato Milan Ag. Rodriguez: “Poteva andare al Napoli. Rangnick inadatto al Milan”

Ag. Rodriguez: “Poteva andare al Napoli. Rangnick inadatto al Milan”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:22

La verità dell’agente Di Domenico sul destino di Ricardo Rodriguez. Il terzino ha scelto il PSV, ma poteva finire in azzurro.

Ricardo Rodriguez Swiss
Ricardo Rodriguez (Getty Images)

Il portale Calciomercato.com ha approfittato della sosta forzata per interpellare in esclusiva l’agente Gianluca Di Domenico, noto procuratore internazionale.

Di Domenico cura gli interessi di Ricardo Rodriguez. Il terzino del Milan è passato a gennaio in prestito al PSV Eindhoven per giocare ed avere opportunità maggiori.

Questa la spiegazione di Di Domenico sul trasferimento: “Ricardo ama Milano, ha scelto il Milan per giocare. E’ un ragazzo serio, ha lavorato sempre con professionalità. Spesso si dà più attenzione alla fase offensiva e meno a quella difensiva, in cui lui è più bravo. Il PSV ha parlato con noi, abbiamo scelto di andare in Olanda per l’Europeo. Si sta rivelando la scelta migliore”.

LEGGI ANCHE -> BENNACER PROMOSSO NEL NUOVO MILAN

L’agente ha svelato anche un retroscena sul Napoli: “C’era qualcosa di concreto, abbiamo trattato con il Napoli. Ma gli azzurri sono rivali del Milan, lottano per lo stesso obiettivo. Abbiamo rispettato la decisione del club di non rinforzare una rivale”.

Di Domenico, che conosce bene il calcio tedesco, ha dato infine un parere su Ralf Rangnick. Colui che è indicato come possibile prossimo allenatore del Milan: “Ho avuto la fortuna di conoscere Rangnick nella sua esperienza allo Schalke 04. Ha una sua filosofia che vuole portare avanti sempre fino in fondo. Il calcio italiano e il suo modo di vivere è un po’ diverso rispetto a quello tedesco. Sia da parte del Milan che da parte di Rangnick ci si deve venire incontro perché sono due mentalità diverse. Quella di Rangnick è più disciplinata e severa nel gestire i giocatori.

Ecco in cosa consiste la gestione strategica di Rangnick: “La mentalità tedesca prevede che il giocatore venga seguito 24 ore al giorno, in Italia sono più liberi. Questo potrebbe essere un piccolo problema. Anche se attualmente non naviga in posizioni che gli competono, il Milan resta un top club formato da delle star del calcio che hanno certe qualità”.

LEGGI ANCHE -> KESSIE, FUTURO AL MILAN IN DUBBIO