Gollini nuova idea per la porta: la strategia del Milan

Pierluigi Gollini è l’ultimo nome accostato al club rossonero per sostituire Gianluigi Donnarumma in caso di cessione la prossima estate.

Gollini Atalanta
Pierluigi Gollini (Getty Images)

Il Milan vuole pescare il suo nuovo numero uno dall’Italia. Niente acquisti esotici o scommesse estere: i dirigenti preferiscono un portiere già abituato alla Serie A.

Probabilmente Gianluigi Donnarumma saluterà il Milan nell’estate 2020, anche per evitare una sua partenza a costo zero successiva. E per sostituirlo si fa anche il nome di Pierluigi Gollini, titolare dell’Atalanta.

Un portiere cresciuto moltissimo negli ultimi anni, che ha scalato le gerarchie ed è divenuto protagonista all’interno della squadra rivelazione di Gian Piero Gasperini.

LEGGI ANCHE -> IBRAHIMOVIC SI PUO’ ALLENARE IN SVEZIA: ECCO PERCHE’

Secondo Tuttomercatoweb.com Gollini è l’ultimo nome sul taccuino del Milan per un eventuale innesto tra i pali. Al momento l’Atalanta non considera una sua cessione, ma si parla di una valutazione da 17-18 milioni di euro.

Gollini è un profilo ideale per il Milan che vorrà puntare sui giovani talenti e su calciatori di prospettiva. Il classe ’95 piace non poco: i rossoneri preparano la strategia.

In primo luogo i dialoghi con l’Atalanta sono ottimi. Basti guardare i tanti affari sull’asse Milano-Bergamo, ultimo in ordine di tempo quello che ha portato Mattia Caldara in nerazzurro a gennaio scorso.

Ancor più proficui i rapporti tra il Milan e l’agente di Gollini, ovvero Giuseppe Riso, che da anni è il benvenuto nella sede di via Aldo Rossi per parlare dei suoi assistiti.

Infine c’è l’ipotesi per l’Atalanta di riportare a casa il giovane e talentuoso portiere Marco Carnesecchi, classe 2000 in prestito a Trapani e già nel giro della Nazionale Under-21.

Se l’Atalanta dovesse dare fiducia a questo ventenne di prospettiva potrebbe anche dare il via libera alla cessione di Gollini, che accetterebbe di buon grado di sostituire Donnarumma nel Milan.

LEGGI ANCHE -> FUTURO ALLENATORE MILAN: I CALCIATORI SI DIVIDONO