Gazzetta sicura – Addio Bonaventura, secondo bomber del decennio

Giacomo Bonaventura ad un passo dal dire addio al Milan. E lo farà con un piccolo record che riguarda l’ultimo decennio rossonero.

Bonaventura addio Milan record
Giacomo Bonaventura (Getty Images)

Il Milan sicuramente dirà addio a Giacomo Bonaventura a fine stagione. Il suo contratto è in scadenza ed è escluso un rinnovo last-minute.

Oggi Gazzetta.it ha confermato le voci riguardo ad un suo imminente saluto. Avventura al capolinea per il centrocampista classe ’89, considerato da molti una piccola bandiera, legatissimo ai colori rossoneri.

Ancora incerta la squadra in cui giocherà dalla prossima stagione, ma le offerte di certo non mancano a Bonaventura e al suo agente Mino Raiola.

LEGGI ANCHE -> GABBIA, LE RISPOSTE AI TIFOSI SU IG

Bonaventura lascia il Milan, con due piccoli record

Non un addio qualsiasi. Avverrà in silenzio e senza clamori, visto che in tempi recenti Bonaventura ha accumulato poco spazio nel Milan, soprattutto a causa degli infortuni.

Ma il numero 5 rossonero porterà con sé due piccoli traguardi personali, riguardanti il decennio calcistico 2010-2019.

Il primo riguarda le presenze ufficiali nel Milan: Bonaventura è il terzo in classifica tra i calciatori dell’attuale rosa rossonera con 171 gettoni accumulati dal 2014 ad oggi. Meglio di lui solo l’intoccabile Gigio Donnarumma (190) e capitan Alessio Romagnoli (181).

Ancora più significativo il record in fatto di gol realizzati. Bonaventura ha sempre avuto feeling con la porta avversaria, non a caso risulta il secondo miglior marcatore del Milan nell’ultimo decennio.

Jack è secondo solo a Zlatan Ibrahimovic, autore di 56 reti ufficiali nella prima esperienza milanista. Il centrocampista (a pari merito con Carlos Bacca) segue a quota 34 gol, realizzati tra campionato e coppe.

A numeri e conti fatti Bonaventura rappresenta dunque un piccolo pezzo di storia recente del Milan. Ma come scrive la Gazzetta ha già denunciato da tempo l’insoddisfazione per i troppi cambiamenti e punti interrogativi all’interno del club. Inevitabile a questo punto il silenzioso addio.

LEGGI ANCHE -> PSG, ASSALTO A UN TALENTO DEL MILAN