Milan-Rangnick, tutto vero: il tedesco lancia segnali

Ralf Rangnick ha confermato di recente le trattative in atto con il club rossonero, anche se a rilento. Le smentite del Milan non reggono più.

Ralf Rangnick segnali Milan
Ralf Rangnick (©Getty Images)

Mesi di smentite, di parole dette e non dette, di presunti accordi considerati solo fandonie giornalistiche. Invece il Milan e Ralf Rangnick sono realmente vicini.

Lo ha ammesso lo stesso manager tedesco, che ha lanciato segnali chiari e fatto intendere come il Milan seriamente stia pensando a lui per la panchina del futuro.

La Gazzetta dello Sport di oggi riporta le parole di Rangnick, piuttosto chiare: “Hanno chiesto se ci fosse la possibilità di collaborare. Di conseguenza ho informato la Red Bull e successivamente ci sono stati colloqui con il mio procuratore. Non posso escludere del tutto che andrò al Milan. Al momento però il club e il campionato hanno altri problemi”.

Insomma il Milan, in particolare l’a.d. Ivan Gazidis, è in parola con Rangnick. Anche se ovviamente l’emergenza Coronavirus potrebbe aver frenato ogni discorso.

Il general manager di Red Bull vuole scegliere ponderatamente il suo destino: “Senza voler essere presuntuoso, ma la cerchia dei club che mi possono interessare è abbastanza ristretta. Non sono uno che ha difficoltà a immaginare che le cose possano funzionare. L’avventura mi piace, ma non deve essere una missione suicida”.

Torna d’attualità dunque l’accordo Milan-Rangnick. Ciò presuppone gli addii imminenti di Stefano Pioli e Paolo Maldini, due figure che mal si concilierebbero con la filosofia da manager a 360° del tedesco. Tutto è in ballo, tutto è possibile. Il Milan farebbe bene ad evitare ormai le smentite di rito.

LEGGI ANCHE -> ECCO QUANDO TORNA IN ITALIA IBRAHIMOVIC