Le Parisien – Milan, sfida alle big per Bitshiabu El Chadaille

Il Milan non perde mai di vista i migliori talenti del panorama calcistico europeo. Il club rossonero avrebbe messo gli occhi su Bitshiabu El Chadaille, quindicenne del Paris Saint Germain.

Casa Milan
Casa Milan (©Getty Images)

Il Milan progetta il futuro con ampia lungimiranza. Secondo quanto riporta Le Parisien, la società rossonera, con la sua vasta gamma di osservatori, avrebbe puntato il giovane difensore  Bitshiabu El Chadaille, quindicenne del Paris Saint Germain.

Nonostante l’età, Bitshiabu avrebbe destato l’interesse dei più grandi club europei, ammaliati dalle sue prestazioni con la maglia dei parigini. Proprio il quotidiano francese riferisce che si sono già mosse Real Madrid, Manchester City, Bayern Monaco, Borussia Dortmund e Lipsia, oltre al Milan, per avere il giocatore.

Bitshiabu al momento non può firmare un contratto, non avendo ancora compiuto sedici anni, ma il padre dell’adolescente vorrebbe che restasse in Francia, per completare la sua maturazione con il Paris Saint Germain.

MILAN, SZOBOSZLAI: RANGNICK CHIEDE TEMPO

Bitshiabu El Chadaille, ruolo e caratteristiche

Bitshiabu El Chadaille  sembra già un predestinato. All’età di quindici anni è già alto 1.95 e pesa 96 kg e milita nell’Under-17 del PSG.

Si è messo in mostra in particolare nel trofeo Al Kass di febbraio ed è lì che i più grandi club europei l’hanno notato e ora lo vogliono a tutti i costi. Tra questi il Milan.

È un difensore alto e roccioso, ma abile anche in impostazione. È mancino e nelle movenze ricorda il difensore del Napoli Kalidou Koulibaly. Forte fisicamente, ma anche tecnicamente.

Già nel 2018 si era messo in mostra a soli dodici anni nel torneo Liga Promises, dove la differenza di stazza fisica rispetto agli altri era già impressionante, tanto che qualcuno mosse dei sospetti sulla reale età.

Dall’aprile 2017 milita nel Paris Saint Germain, che l’ha prelevato dal Boulogne-Billancourt. I primi calci, invece, li ha tirati al Saint-Denis Union Sport.

KJAER: “MILAN CLUB SPECIALE”