Dalot sfida Calabria: vuole “imitare” Theo Hernandez

Diogo Dalot spera di avere un percorso simile a quello di Theo Hernandez, prendendosi la titolarità della fascia destra del Milan. Ma Davide Calabria non molla.

Diogo Dalot sfida Calabria
Diogo Dalot (©Getty Images)

La partita di Europa League tra Celtic e Milan ha segnato l’esordio in maglia rossonera di Diogo Dalot. Primo tempo non facile, poi meglio nel secondo soprattutto in fase difensiva.

Il terzino destro portoghese ha avuto come rivale sulla fasci Diego Laxalt, di proprietà milanista e trasferitosi in prestito secco in Scozia. Con la stessa formula è arrivato anche l’ex Porto a Milanello, dove punta a rilanciarsi dopo una stagione difficile al Manchester United.

LEGGI ANCHE -> Milan-Roma, probabili formazioni: torna Bennacer, dubbio trequartista

Diogo Dalot titolare del Milan?

Milan cambio formula Diogo Dalot
Diogo Dalot (foto AC Milan)

Dalot deve crescere per convincere Stefano Pioli a consegnargli stabilmente la maglia da titolare della fascia destra. Al momento la prima scelta è Davide Calabria, che si è meritato il posto a suon di buone prestazioni. Anche lui dopo il lockdown è migliorato, mettendosi alle spalle mesi difficili che avevano alimentato rumors sulla sua possibile cessione.

E non bisogna dimenticare Andrea Conti, che ha superato i problemi fisici e punta ad avere presto la condizione fisica adatta per giocarsi le sue chance. Nella passata stagione era lui il titolare, quindi ha grande voglia di conquistarsi un minutaggio importante. Tanta concorrenza sulla corsia destra difensiva, mentre a sinistra Theo Hernandez è l’indiscusso padrone e non ha un vero vice. Sia Calabria che Dalot possono, in caso di necessità, essere adattati sulla fascia mancina.

E Diogo proprio a Theo Hernandez spera di riuscire a ispirarsi, considerando che l’ex Real Madrid è arrivato in Italia con la “fama” di essere un laterale soprattutto offensivo e poi si è dimostrato abile anche in fase offensiva. Non perfetto, ma ha fatto vedere di saperci fare e ci sono ancora margini di miglioramento trattandosi di un calciatore giovane (23 anni).

Dalot è un classe 1999 e come Theo è un terzino bravo tecnicamente e propenso soprattutto ad attaccare, ma sa che è molto importante anche difendere. A Milanello dovrà lavorare per cercare di migliorare in fase difensiva, così potrà insidiare Calabria per la maglia da titolare. Per Milan-Roma dovrebbe essere Davide a partire dal primo minuto, però nel successivo match di Europa League contro lo Sparta Praga dovrebbe toccare nuovamente al portoghese. Stefano Pioli farà un po’ di “staffetta” tra loro e dovrà anche valutare il reinserimento di Conti.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> Paquetà dimentica il Milan: “Nessuna vendetta, sono felice a Lione”