Napoli-Milan, Gattuso: “Ibrahimovic come Tyson su Koulibaly”

Gennaro Gattuso si scaglia contro i suoi giocatori dopo Napoli-Milan, me se la prende anche con sé stesso. Battuta su Ibrahimovic vs Koulibaly.

Gattuso Napoli Milan
Gennaro Gattuso e Daniele Bonera (©Getty Images)

Gennaro Gattuso deluso dal suo Napoli dopo la sconfitta contro il Milan al San Paolo. Si aspettava di più dalla squadra.

Queste le parole dell’allenatore azzurro ai microfoni di Sky Sport: «Della prestazione dei singoli non mi interessa, l’errore singolo ci sta. Abbiamo fatto una buona partita. Abbiamo fatto tutto noi, ci siamo fatti male da soli. Il responsabile sono io, quando c’è una partita importante succede sempre qualcosa. Bisogna alzare l’asticella. Credo che sono io a non riuscire a far interpretare le partite in un certo modo. Ci dobbiamo assumere delle responsabilità, serve giocare seriamente e stare sul pezzo. Il problema della squadra è questo, bisogna starci con la testa e non pensare che è colpa della sfortuna. Manca qualcosa, bisogna arrivare alla partita con occhio diverso e non credere che basti la tecnica. Vedo atteggiamenti che non mi piacciono e ci sto male, bisogna aggiustare presto certi aspetti».

In merito alla gomitata di Zlatan Ibrahimovic su Kalidou Koulibaly ha così commentato: «Non voglio parlare… Vedendolo in TV sembra una gomitata alla Mike Tyson, però al VAR hanno deciso di non intervenire. Non possiamo farci niente».

Elogi per Ibrahimovic e il Milan: «Sappiamo come gioca il Milan, credono fortemente in Ibra e in quello che fanno. Zlatan è più forte adesso che 10-12 anni fa. Hanno il veleno in campo, fanno ciò che devono. Non sono una squadra più forte della nostra, abbiamo avuto occasioni noi. Serve fare uno step mentale. Vogliamo fare troppo i professori, serve pensare da squadra e non da singoli».

Gattuso conclude ribadendo ciò che non gli piace del Napoli: «Vedo il calcio diversamente da quando giocavo, mi piace far giocare bene la squadra. Però non sopporto quando non vedo il coltello tra i denti, non mi piace quando non giochiamo da squadra. Ci sono certi atteggiamenti che non mi piacciono. Oggi abbiamo fatto quello che dovevamo fare sul piano della qualità, però non basta. Io ho capito cosa non va in questo momento, non è un caso se stecchiamo certe partite».

LEGGI ANCHE: