Milan e Donnarumma ancora insieme: accordo ad un passo

Il rinnovo di Gianluigi Donnarumma appare sempre più probabile. In particolare una clausola potrebbe sbloccare il tutto.

Donnarumma clausola
Gigio Donnarumma (©Getty Images)

Ormai è noto: la priorità del Milan in questo momento riguarda i rinnovi di contratto più complessi ed imminenti.

Su tutti quello di Gianluigi Donnarumma, portiere titolare e vero patrimonio rossonero. Il classe ’99 è chiamato a scegliere se prolungare il proprio contratto con il Milan oppure valutare alternative di carriera futura.

Le ultime indicazioni, riportate da Calciomercato.com, sembrano maggiormente ottimistiche. Donnarumma e il Milan sarebbero più vicini nel trovare l’accordo definitivo. Manca però sempre qualche dettaglio prima di brindare al rinnovo tanto agognato.

Leggi anche:

Milan e Raiola, accordo sulla clausola di Donnarumma

Le ultime informazioni parlano di un principio di accordo tra Milan e Mino Raiola, il noto quanto scomodo agente del portiere italiano.

Il rinnovo di Donnarumma dovrebbe arrivare sulla base di 7 milioni netti d’ingaggio all’anno, per un contratto che dovrebbe scadere al giugno 2025.

Raiola è dunque pronto ad abbassare le pretese, visto che inizialmente si era parlato di addirittura una richiesta da 10 milioni a stagione. Ma a patto che venga sottoscritta una clausola di rescissione.

Tale condizione scatterebbe in caso di mancato accesso alla Champions League da parte del Milan. Il club non è certo felice di impostare la clausola rescissoria sul nuovo accordo con Donnarumma, ma c’è l’intenzione di venirsi incontro.

Visto l’andamento recente di Ibrahimovic e compagni, solidi in testa alla classifica di Serie A, la dirigenza milanista appare più aperta ad inserire la suddetta clausola. Un attestato di fiducia per l’obiettivo minimo della squadra di Pioli, ovvero il quarto posto finale.

Donnarumma così si avvicina la firma. I prossimi incontri tra Maldini e Raiola saranno decisivi, anche per rispettare la scelta del portiere, sempre convinto a sposare nuovamente il progetto Milan.