Milan contro Stella Rossa, aria di derby: i precedenti storici

Il Milan affronterà la Stella Rossa in Europa League. I serbi sono guidati da Stankovic, in mezzo il derby contro l’Inter. Precedenti buoni per i rossoneri.

Milan Stella Rossa precedenti
Dejan Stankovic (©Getty Images)

L’urna di Nyon è stata benevola con il Milan, che nei Sedicesimi di Europa League affronterà la Stella Rossa. Un’avversaria sicuramente alla portata, anche se da non sottovalutare.

Sarà una sfida con sapore di derby considerando che la squadra serba è allenata dall’ex nerazzurro Dejan Stankovic. Inoltre, in mezzo alle due partite europee (18 febbraio a Belgrado e 25 febbraio a Milano) ci sarà il match di Serie A contro l’Inter. Saranno giornate importanti per la stagione rossonera.


Leggi anche:


Milan, la Stella Rossa porta bene in Europa

Il Milan ha già affrontato la Stella Rossa in passato. La prima volta nel secondo turno della Coppa dei Campioni 1988/1989, vinta poi della squadra di Arrigo Sacchi. Dopo l’1-1 (gol di Pietro Paolo Virdis) di San Siro, al ritorno al Belgrado il Diavolo stava perdendo quando sullo stadio Marakana la nebbia rese impraticabile la partita e si rigiocò il giorno seguente con vittoria ai calci di rigore dopo l’1-1 (rete di Marco van Basten) dei tempi regolamentari.

Milan e Stella Rossa si sono poi affrontati nel preliminare della Champions League 2006/2007. Era l’estate post-Calciopoli e la squadra di Carlo Ancelotti si ritrovò a doversi qualificare per la fase i gironi. Il raduno fu anticipato e non fu semplice, considerato che c’era stato il Mondiale di Germania. Comunque i rossoneri vinsero 1-0 con gol di Filippo Inzaghi a San Siro e poi 2-1 al ritorno a Belgrado con reti di Pippo e Clarence Seedorf. Al termine la competizione fu vinta proprio dal Diavolo, che ad Atene sconfisse 2-1 il Liverpool.

I precedenti con la squadra serba rievocano ricordi positivi. Il Milan spera di arrivare in fondo anche all’Europa League 2020/2021. Non sarà semplice, però nell’ambiente c’è grande voglia di andare avanti il più possibile nel cammino europeo.