Milan, da Jovic a Milik: tutti i nomi per sostituire Ibrahimovic

Il Milan pensa all’acquisto di un vice Ibrahimovic e circolano già i nomi di tanti attaccanti. Si va da Jovic a Milik, passando per Edouard e altri.

Milan Jovic Milik tutti nomi vice Ibrahimovic
Luka Jovic (©Getty Images)

Normale che il Milan possa pensare a comprare un nuovo centravanti dopo l’ultimo infortunio di Zlatan Ibrahimovic. Lo svedese sta mostrando delle fragilità fisiche che a 39 anni ci possono stare.

Se nella scorsa sessione del calciomercato la dirigenza ha preferito non prendere una prima punta, nella prossima le cose possono cambiare. Ante Rebic da attaccante centrale non trova la via del gol, mentre Rafael Leao è ancora molto incostante. Lorenzo Colombo, invece, è giovanissimo e acerbo.


Leggi anche:


Calciomercato Milan, serve un vice Ibrahimovic: le idee

Oggi il quotidiano Tuttosport cita i nomi dei centravanti che il Milan può prendere in considerazione per il ruolo di vice Ibrahimovic.

Al momento, ma più avanti chissà, non sembrano essere nei pensieri del club profili come Mario Mandzukic, Olivier Giroud e Graziano Pellè. Difficile anche l’arrivo di Arkadiusz Milik, per il quale il Napoli pretende 18 milioni di euro nonostante non stia giocando e abbia un contratto in scadenza a giugno 2021.

Più quotati nomi come quelli di Odsonne Edouard del Celtic e Luka Jovic del Real Madrid. Il francese è stato un avversario in Europa League e ha segnato a San Siro, mentre il serbo non trova spazio con Zinedine Zidane e può lasciare la Spagna.

In Italia viene seguito Gianluca Scamacca, di proprietà del Sassuolo ma in prestito al Genoa. Trattativa non semplice. Attenzione anche alla scuderia di Mino Raiola, dove ci sono attaccanti come Donyell Malen del PSV Eindhoven (15 gol e 4 assist in 21 partite stagionali) e Myron Boadu dell’AZ Alkmaar (in calo rispetto alla scorsa stagione, solo 3 reti in 15 presenze).

Ovviamente possono emergere anche altri nomi nel corso delle settimane. Il Milan dovrà valutare sia gli aspetti tecnico-tattici che le condizioni economiche. Complicato pensare a un investimento oneroso. Più probabile il ricorso a una soluzione low cost che non appesantisca troppo il bilancio.