Bennacer e la clausola risolutiva: il piano del Milan

Il Milan presto dovrebbe ritrovare Bennacer in campo e la società tra non molto dovrà anche pensare alla clausola presente nel contratto.

Bennacer Milan
Ismael Bennacer (©Getty Images)

Sicuramente si fa sentire l’assenza di Ismael Bennacer a centrocampo, anche se il Milan ha comunque conseguito dei buoni risultati finora. Tuttavia, l’algerino con le sue qualità riesce a dare qualcosa in più.

Stefano Pioli potrebbe ritrovarlo sabato, quando la squadra affronterà il Bologna in trasferta. Risale al 13 dicembre 2020 l’ultima presenza dell’ex Empoli in campo. Contro il Parma a San Siro si infortunò (lesione al bicipite femorale) e da allora è fuori. Sarebbe un rientro molto importante.


Leggi anche:


Bennacer, via la clausola dal contratto?

Il Milan crede fortemente in Bennacer e nella scorsa sessione di calciomercato ha respinto ogni richiesta. La dirigenza ritiene il giocatore fondamentale e non vuole lasciarselo sfuggire.

Ma nell’estate 2021 un rischio c’è ed è legato alla clausola di risoluzione presente nel contratto (scadenza 2024). Infatti, per 50 milioni di euro un club estero potrà assicurarsi il centrocampista algerino. Ovviamente quest’ultimo dovrà essere d’accordo con il trasferimento, ma il Milan non potrà fare nulla se verrà messa sul tavolo tale cifra.

Secondo i colleghi di calciomercato.com, non bisogna escludere che nelle prossime settimane Paolo Maldini e Frederic Massara possano incontrare l’entourage di Bennacer per discutere proprio di suddetta clausola. La società rossonera non vuole rischiare brutte sorprese.

Ci sentiamo di aggiungere che, in caso di buon rendimento da parte dell’ex Empoli, gli agenti potrebbero chiedere un aumento dell’ingaggio a fine stagione. Quindi, la trattativa può toccare più aspetti. Il Milan, in cambio di un adeguamento dello stipendio, potrebbe riuscire a strappare la cancellazione o l’aumento della clausola di risoluzione.