Calciomercato Milan, no ai rossoneri | Ha preferito l’Austria!

Il difensore ha scelto il Salisburgo, quindi niente Milan né Borussia Dortmund. Maldini lo ha tenuto d’occhio per tutto gennaio

Piatkowski
Kamil Piatkowski (©Getty Images)

Siamo arrivati alla fine di questo calciomercato invernale. Il Milan, che di solito tiene col fiato sospeso i propri tifosi fino alla fine, ha chiuso le trattative una settimana fa con Tomori, prelevato dal Chelsea in prestito con diritto di riscatto. Il difensore, con Meite e Mandzukic, ha concluso quindi le manovre di rafforzamento della rosa dei rossoneri.

Non ci saranno colpi di scena dell’ultimo minuto. Si era pensato al possibile arrivo di un vice Theo Hernandez, soprattutto dopo l’ultima partita di campionato dove il francese è apparso un po’ sottotono. Junior Firpo però ha rifiutato e Lazaar, l’opzione low cost valutata da Maldini e Massara, non convince. Il Milan resta così quindi, con Dalot il jolly per entrambe le fasce. Ricordiamo che invece è uscito Andrea Conti, destinazione Parma.


Leggi anche:


Piątkowski sceglie il Salisburgo

In questa finesta di calciomercato, come sempre, sono stati accostati molti nomi al club di via Aldo Rossi. Alcuni noti, altri meno. Fra questi ultimi un difensore centrale proveniente dalla Polonia: si tratta di Piątkowski, che qualcuno definiva un obiettivo concreto per i rossoneri con tanto di incontri e offerte. Nulla di confermato poi, e l’arrivo di Tomori ha chiuso qualsiasi tipo di aspettativa. Intanto però il calciatore, che è considerato un grande talento a soli 20 anni, sembra aver trovato comunque una nuova destinazione.

Niente Milan, né Borussia Dortmund. Piątkowski se ne va al Red Bull Salisburgo, come rivelato da meczyki.pl. Non sono ancora note le cifre della trattativa ma potrebbe aggirarsi intorno ai 10-15 milioni di euro. Resterà nel suo club polacco fino all’estate, per poi iniziare questa nuova avventura in Austria in estate. Un acquisto in pieno stile Red Bull, soprattutto a Salisburgo, dove sanno benissimo come scoprire, lanciare e vendere talenti. La vicenda ricorda un po’ quella di Simakan, molto vicino al Milan per poi essere superato dal Lipsia. Il francese però è rimasto allo Strasburgo e non ci sono stati altri risvolti.