Hauge fuori dalla lista UEFA: motivi e retroscena

Hauge non schierabile in Europa League, il Milan lo ha escluso dalla lista UEFA. C’è una ragione più burocratica che tecnica della scelta.

Hauge Milan
Jens Petter Hauge (©Getty Images)

Ha fatto un po’ di “rumore” l’esclusione di Jens Petter Hauge dalla lista UEFA del Milan. Il giocatore non potrà scendere in campo in Europa League, dove aveva ben figurato nella fase a gironi con 3 gol e un assist in 5 presenze.

A Stefano Pioli è dispiaciuto lasciarlo fuori, anche perché la vetrina europea aiuta i giovani a maturare. Il norvegese ovviamente non ha fatto i salti di gioia, però ha capito la decisione e cercherà di rendersi utile in campionato.


Leggi anche:


Hauge, motivi dell’esclusione e offerte rifiutate

Il Milan crede in Hauge e lo dimostra anche il fatto che nell’ultima finestra del calciomercato sono state rifiutate tutte le offerte arrivate. Le ultime sono state quelle di Bayer Leverkusen e Southampton, che hanno chiesto il calciatore con la formula del prestito.

La Gazzetta dello Sport spiega che Hauge sapeva da giorno che sarebbe potuto rimanere fuori dalla lista UEFA, per motivi burocratici prima che tecnici. C’era un massimo di giocatori stranieri da poter inserire. Il Milan cedendo Andrea Conti ne ha perso uno formato in Italia e dunque il numero di inseribili nella lista A è sceso da 23 a 22.

Poi rispetto ad altri stranieri, è stata fatta anche una scelta tecnica su Hauge. C’è stato l’arrivo di Mario Mandzukic, che può giocare come prima punta ad eventualmente anche da esterno sinistro. Pioli ha preferito anche avere un centrocampista in più come Soualiho Meite, arrivato dal Torino nell’ultima finestra del calciomercato.

Il mister comunque apprezza molto Hauge, anche se le sue ultime apparizioni in rossonero non sono state entusiasmanti. Ma va detto che il talento norvegese aveva iniziato ben prima la stagione con il Bodo/Glimt e probabilmente sta pagando anche questo a livello fisico. Nell’ambiente rossonero c’è massima fiducia nel ragazzo, considerato un potenziale futuro campione.