Spezia-Milan al Picco: le curiosità sullo Stadio dei bianconeri

Il Milan affronterà lo Spezia alla 22.a giornata allo Stadio Picco. Eccovi alcune curiosità sulla Casa della compagine allenata da Vincenzo Italiano

Stadio Picco Spezia
Stadio Picco Spezia (Getty Images)

Dopo 98 anni, il Milan torna allo Stadio Picco di La Spezia per disputare un match di Serie A. L’ultima volta è accaduto nel 1923 con i padroni di casa che si imposero 2-1, stesso risultato dell’anno precedente. Nel primo confronto, risalente a 100 anni fa, invece vittoria del Milan per 1-2. Da allora, i rossoneri sono tornati un’altra volta al Picco, in un’amichevole del maggio 2000 persa 4-1 con i liguri che festeggiavano la promozione in C1.

Altri tempi, altri match. Nella sfida odierna, il Milan si gioca tre punti importantissimi per la corsa Scudetto. Imperativo vittoria per i ragazzi di Pioli che devono consolidare il primato in vista del Derby e in una giornata che si prospetta, sulla carta, favorevole con i concomitanti scontri diretti Napoli-Juve e Inter-Lazio.

Non sarà, tuttavia, un impegno facile. Gran parte dei rossoneri giocheranno in uno stadio per loro inedito. Conosciamolo meglio.


Leggi anche 


Stadio Picco, le curiosità

Dopo la prima parte del campionato giocata a Cesena per i lavori di ammodernamento, lo Spezia ha esordito allo stadio Picco, lo scorso dicembre, contro il Bologna nel match terminato 2-2. Da allora altre 4 partite con un bilancio sfavorevole con una sola vittoria contro la Sampdoria (2-1) e tre ko (Verona, Genoa e Udinese).

Lo stadio è intitolato ad Alberto Picco, primo marcatore nella storia del club bianconero, caduto nella Prima Guerra Mondiale arruolato come alpino.

Tonali pagelle Milan Spezia
Milan-Spezia un’immagine dell’andata (©Getty Images)

Simbolo dello stadio spezzino è la Curva Ferrovia, cuore del tifo locale, equivalente della Curva Nord dell’Olimpico o di San Siro per intenderci. Trasformata con la recente ristrutturazione da tribuna in cemento a spazio con i seggiolini, può ospitare circa 4mila tifosi e deve il suo nome al fatto che sorge alle spalle dell’anello ferroviario cittadino. Sulla parte opposta alla Ferrovia, c’è la Curva Piscina destinata ai tifosi ospiti e costruita con una struttura prefabbricata. Anche questa porzione dello stadio deve il suo nome alla vicinanza con un luogo della città ovvero una Piscina appartenente alla Marina Militare. Comprese le due tribune coperte, la capienza totale del Picco è 10.336 spettatori.

Il terreno di gioco è un misto erba naturale – sintetico. L’ultimo rifacimento nel 2017 dopo il precedente avvenuto nel 2014. La tipologia del terreno è stata scelta per garantirne il più possibile la durata nel tempo.

Il Picco è stato uno dei primi stadi italiani a subire una squalifica in seguito agli scontri avvenuti a margine di uno Spezia-Genoa della stagione 1922-23. La squalifica fu addirittura di un anno.

Nella stagione 2006-07 ha ospitato il match con la Juve, all’epoca retrocessa in Serie B in seguito alla vicenda Calciopoli. Il match è terminato 1-1 con i gol di Confalone e il pari in extremis di Nedved. Al termine di quella partita, David Trezeguet descrisse così il Picco: “E’ lo stadio più brutto dove abbia mai giocato. Sporco, vecchio, stretto con i giocatori indiavolati, sospinti dai tifosi. Può accadere di tutto.” In fondo, era anche un complimento.