Calciomercato, addio Milan: assalto del Siviglia!

Il Siviglia sarebbe pronto a trattare l’acquisto di Diogo Dalot. Il terzino, attualmente al Milan, ha una valutazione di 25-30 milioni di euro

Diogo Dalot Milan siviglia
Diogo Dalot (©Getty Images)

Ancora una prestazione negativa per Diogo Dalot. Il terzino portoghese è stato tra i peggiori in campo della sfida contro lo Spezia, mai pericoloso in avanti e costantemente saltato dagli attaccanti dei liguri

Il calciatore di proprietà del Manchester United ha dimostrato di non essere all’altezza per sostituire Davide Calabria. Il Milan in estate lo ha prelevato in prestito secco, con la promessa di sedersi in futuro attorno ad un tavolo con i Red Devils per discutere un eventuale riscatto.


Leggi anche:


Niente riscatto

Nell’ultimo periodo i rumors sono stati diversi: si è parlato anche di un Milan pronto ad investire ben 17 milioni di euro per strappare Dalot al Manchester United. Notizia che però, poi, non ha trovato conferme.

Dalot piace alla società anche se non sta rendendo come si sperava. Difficile ad oggi pensare che il Milan possa investire una cifra del genere per un calciatore che non è certo un titolare.

Assalto Siviglia

Dalla Spagna sostengono che il club rossonero non riscatterà il calciatore. Il Milan – riporta TodoFichajes – non sarebbe convinto di prelevare a titolo definitivo il terzino. Ad approfittarne potrebbe così essere il Siviglia di Monchi.

Gli andalusi sono da tempo alla ricerca di un terzino destro. In passato si era fatto anche il nome di Davide Calabria, profilo particolarmente stimato dall’ex Ds della Roma. Oggi, come raccontato, il calciatore italiano è diventato uno dei pilastri di questo Milan e il rinnovo è davvero dietro l’angolo.

Il Siviglia – riporta il portale spagnolo – è così pronto a sedersi attorno ad un tavolo per trattare l’acquisto di Dalot con l’agente del calciatore. Lopetegui, che lo conosce bene, avrebbe già dato il via libera all’affare.

Il Manchester United per cedere Dalot vorrebbe 25-30 milioni di euro ma gi spagnoli sono convinti di poter abbassare la cifra.