Gazzetta – Spezia-Milan, le pagelle: Theo travolto, Calhanoglu dove sei?

I voti e le pagelle assegnate dalla Gazzetta dello Sport ai calciatori del Milan, quasi tutti bocciati dopo il ko di ieri sera.

Pagelle Spezia Milan
Gyasi e Calhanoglu (©Getty Images)

Difficile trovare qualcosa di positivo nella gara di ieri sera, in cui il Milan è stato letteralmente surclassato da uno Spezia sorprendente e cinico.

Zero tiri in porta per la squadra di Stefano Pioli, ma anche tanti errori individuali e prestazioni sotto la media stagionale che potrebbero costare il primato in classifica.

Non a caso, nelle consuete pagelle della Gazzetta dello Sport, sono stati quasi tutti bocciati i calciatori del Milan scesi in campo nell’anticipo dello stadio Picco.


Leggi anche:


Le pagelle del Milan: tutti bocciati tranne Gigio

Voti bassissimi dunque per i rossoneri, in controtendenza rispetto alle gare precedenti della stagione che li hanno visti quasi sempre dominare, in particolare in trasferta.

L’unico ad ottenere la sufficienza piena è Gianluigi Donnarumma: 6,5 per il portiere che ha evitato il tracollo già nel primo tempo con una grande parata su Saponara, per poi dover arrancare subendo due reti inevitabili.

Per il resto tante, troppe insufficienze. Voto 5,5 per i due centrali Romagnoli e Kjaer. Forse i meno colpevoli della sconfitta, lasciati spesso soli contro l’arrembaggio dello Spezia. Stesso punteggio per Tomori, entrato nella ripresa e abile almeno in un paio di chiusure nel finale.

Il voto prevalente però è il 5, quello della bocciatura piena. La Gazzetta lo assegna a Dalot e Theo Hernandez, letteralmente travolti dalle sovrapposizioni spezzine. Ma anche ad un Kessie irriconoscibile, Leao annullato dalla pressione avversaria e Mandzukic mai entrato realmente in partita.

5 in pagella persino a Ibrahimovic: lo svedese combatte e si sbatte, ma finisce soltanto per guadagnarsi un paio di calci piazzati in zona interessante. Uno di questi lui stesso lo calcia malamente in barriera.

Infine i peggiori: voto 4,5 per i rientranti Bennacer e Calhanoglu. Prova opaca e ricca di errori per entrambi, fuori posizione e costantemente asfissiati dal pressing dello Spezia. Molto male anche Saelemaekers, altro invisibile della gara di ieri.