Milan su Bodisteanu: l’agente apre al futuro trasferimento

Stefan Bodisteanu è tra i giovani talenti che il Milan sta visionando. È un pupillo del leggendario Hagi, che lo ha voluto nel Viitorul.

Maldini Boulaye Dia
Paolo Maldini e Frederic Massara (Getty Images)

Il Milan ha osservatori attivi su diversi campionati, sia in Europa che fuori dal Vecchio Continente. Il club punta moltissimo sullo scouting, fondamentale per arrivare ai migliori giovani talenti.

Nei radar degli scout rossoneri è finito anche Stefan Bodisteanu, trequartista moldavo classe 2003 che gioca in Romania con la maglia del Viitorul. Uno dei prospetti più interessanti della Liga I, la massima divisione rumena. Un pallino del leggendario Gheorge Hagi.


Leggi anche:

Mercato Milan, parla l’agente di Bodisteanu

Leonid Istrati, agente di Bodisteanu, ha parlato a calciomercato.it del futuro del suo giovane assistito: “Lo seguono tanti club, italiani ma anche inglesi. A Stefan piacerebbe giocare in Serie A, nella migliore squadra possibile per lui. E sono sicuro che realizzerà il suo desiderio. È nato campione”.

Istrati apre a un futuro approdo del giocatore in Italia. Il Milan potrebbe approfittare del contratto in scadenza a giugno 2022 per strappare il 18enne fantasista al Viitorul, che ovviamente cercherà di incassare il più possibile dalla cessione del giovane gioiello cresciuto nell’Academy Hagi.

È stato il leggendario ex calciatore a farlo esordire in Prima Squadra quando sedeva sulla panchina del club di cui è proprietario. L’agente di Bodisteanu ha aggiunto: “Non importa quando scade il contratto, il ragazzo resterà al Viitorul finché Hagi vorrà. Abbiamo totale fiducia in lui, Stefan andrà via quando sarà meglio preparato per questo importante salto“.

Hagi avrà un ruolo determinante nel futuro del trequartista nato a Chişinău, in Moldavia, ma che ha anche passaporto rumeno e a livello di Nazionale finora ha scelto di giocare proprio con la Romania.

A ottobre il quotidiano britannico The Guardian lo ha inserito nella lista dei migliori 60 classe 2003 al mondo. Le sue grandi doti tecniche hanno catturato l’attenzione di molti osservatori europei. Ha visione di gioco, è abile nei passaggi ed è abbastanza veloce. Può crescere a livello fisico e sotto tanti aspetti, essendo ancora giovane. I margini di miglioramento sono notevoli e il Milan lo ha notato.