Rebic, cospicua donazione ad una struttura croata

Ante Rebic, oltre ad essere un ottimo giocatore, è anche un grande uomo. Di recente ha emesso una cospicua donazione per aiutare i meno fortunati. I dettagli

Rebic 8 mila sterline per bambini autistici
Ante Rebic nella Nazionale croata (©Getty Images)

Ante Rebic, attaccante rossonero, oltre a far bene sul campo e a dimostrare di essere un ottimo giocatore, si impegna anche sul sociale. Il croato ha dimostrato più volte di avere molto a cuore il suo territorio, la Croazia, e soprattutto le zone meno fortunate.

Di recente, difatti, Rebic ha donato la somma di 8mila sterline al Golden Sequin Center, la nuova struttura della città di Slavonski Brod. Il centro medico si occuperà della riabilitazione e della cura dei bambini affetti da autismo o altre disabilità. Un grande gesto di beneficenza quello del calciatore croato, che aiuterà certamente i 220 bambini ospiti del centro di riabilitazione ed educazione, a vivere la disabilità con meno fatica.

Ante è stato ringraziato pubblicamente da Іlіја Јеrkоvіс, direttore del Golden Sequin. Quest’ultimo ha espresso tutta la sua gratitudine al giocatore croato a Novisivot.net: “Ringraziamo di cuore Ante Rebic per questo gesto meraviglioso che ci ha permesso di raggiungere un grande risultato e il suo aiuto è stato più che mai decisivo“.

Ma tale donazione non rappresenta l’unico grande gesto di beneficenza di Rebic. Già nel 2018, il croato ha dimostrato di non aver dimenticato le sue radici, spendendosi socialmente per la sua città natale.


Leggi anche:


L’atto di beneficenza di Rebic nel 2018

Ante Rebic, giocatore classe 1993, è originario di Donji Vinjani, un villaggio della Croazia vicino a Imotski. Ebbene, nel 2018, 500 abitanti della cittadina erano sommersi dai debiti. Così, Ante decise di saldarli tutti di propria tasca.

Un gesto davvero bellissimo e solidale, come ovviamente quello più recente sopra descritto. Opere di beneficenza che dimostrano come un calciatore di alti livelli, che guadagna grandi somme di denaro, non dimentica con umiltà i proprio natali.

Anzi, ritorna in quei luoghi aiutando chi, al contrario, non ha trovato tanta fortuna ed è rimasto ad affrontare le difficoltà.