Tre schiaffi nel derby | Milan, la corsa al titolo è in salita

La sonora sconfitta di ieri contro l’Inter rende complicata la corsa verso lo scudetto per il Milan, che si deve guardare le spalle.

Milan tre schiaffi derby
Il secondo gol di Lautaro Martinez (Getty Images)

Il derby che rischia di spaccare in due la stagione del Milan, forse definitivamente.

I tre gol subiti ieri dall’Inter hanno cambiato il volto del campionato, che per una ventina di giornate aveva visto i rossoneri dominare con merito in vetta. Mentre ora sono i nerazzurri a provare la fuga solitaria.

Lo 0-3 subito ieri dalla coppia Lukaku-Lautaro Martinez è stato forse il simbolo di un vento che cambia, che soffia stavolta in direzione di Appiano Gentile, mentre gli ottimisti di Milanello dovranno rimboccarsi le maniche.


Leggi anche:


Milan-Inter, l’analisi tattica

Come scrive oggi la Gazzetta dello Sport, la spiegazione della sonora sconfitta di ieri del Milan si ritrova in un approccio totalmente sbagliato nel primo tempo.

Poco filtro a centrocampo, soluzioni offensive confusionarie e reparti allungati già ad inizio gara. E’ bastata un’accelerazione del solito Lukaku per spaccare in due la difesa rossonera e dare il là alla vittoria dell’Inter.

Anche Stefano Pioli lo ha ammesso a fine match: “Abbiamo sbagliato tanto nel primo tempo, regalando a loro spazi e giocate. Meglio nella ripresa, ma non può bastare”.

Gli unici sussulti del derby sono arrivati ad inizio secondo tempo, quando Sandro Tonali è salito in cattedra e ha provato ad alzare il baricentro dei suoi con ritmo e convinzione. Ma un super Handanovic ha blindato la porta, soprattutto sui tentativi di Ibrahimovic.

Inter spietata invece in ripartenza: prima Lautaro e poi Lukaku hanno chiuso la contesa con due azioni memorabili, altrettanto imparabili per un inerme Donnarumma.

Milan, come cambia la classifica

L’unica buona notizia dopo il k.o. di ieri è il pareggio della Roma a Benevento, che resta dunque a -5 dal Milan. Ma settimana prossima c’è lo scontro diretto all’Olimpico, mentre già stasera la Juventus (che ha sempre una gara da recuperare) può accorciare le distanze.

Incredibile come nel giro di sette giorni un Milan lanciatissimo in vetta sia ora costretto a guardarsi dal ritorno delle terze o quarte in classifica.