Milan-Stella Rossa, Rafael Leao: “Vogliamo reagire. Più forti con Ibra”

Rafael Leao alla vigilia di Milan-Stella Rossa di Europa League ha parlato in conferenza stampa da Milanello. L’ex Lille è molto motivato.

Rafael Leao Milan
Rafael Leao (©Getty Images)

Nel giorno che precede Milan-Stella Rossa c’è la consueta conferenza stampa a Milanello. Oltre a Stefano Pioli, parla anche Rafael Leao.

Il giovane talento portoghese dovrebbe partire titolare nel match dei Sedicesimi di Europa League. Infatti, con Mario Mandzukic assente per infortunio e Zlatan Ibrahimovic che dovrebbe partire dalla panchina, toccherà a lui agire come centravanti nel modulo 4-2-3-1. Dall’ex Lille e da tutta la squadra ci si attende una risposta positiva a San Siro, dopo i recenti risultati negativi.


Leggi anche:


Leao in conferenza stampa pre Milan-Stella Rossa

Dalle 14:30 la conferenza stampa da Milanello. Noi di MilanLive riporteremo le dichiarazioni in diretta di Rafael Leao sui temi sui quali verrà interpellato.

Il passaggio del turno in Europa League: “Siamo il Milan e vogliamo sempre vincere. Domani match importante, vogliamo andare avanti in Europa“.

Posizione in campo: “Io gioco dove dice il mister, voglio sempre dare il massimo sfruttando le mie caratteristiche e aiutando la squadra. Se posso faccio assist e gol, ma conta di più vincere“.

Momento negativo della squadra e voglia di reagire: “Non siamo meno forti per quanto successo nelle ultime partite. Lavoriamo per fare bene e vogliamo fare il massimo nella partita di domani“.

La sua crescita: “Ringrazio Pioli per la fiducia che mi dà ogni giorno e nelle partite, ma anche i compagni mi danno fiducia. Io cerco sempre di ascoltare tutti e aiutare il gruppo“.

Leao ribadisce lo spirito del gruppo: “Siamo uniti, a testa alta. Sappiamo di non aver fatto bene di recente, ma ci sta. Abbiamo analizzato gli errori e ora guardiamo avanti uniti per reagire a partire da domani“.

Il morale della squadra dopo i risultati negativi: “Nel gruppo ci sono tanti giovani, il mister e i dirigenti ci danno fiducia per essere tranquilli in campo. Abbiamo talento e voglia di dimostrare il nostro valore in campo e di onorare la maglia“.

I suoi miglioramenti rispetto alla scorsa stagione e il fattore Ibrahimovic: “Quest’anno mi sono trovato meglio che nello scorso. Ibra per me e gli altri giovani è un fratello maggiore che ci mostra cosa possiamo fare. La sua caratteristica più importante è la mentalità che ha a 39 anni. Con lui siamo più forti“.