Pioli conferma Romagnoli: iniezione di fiducia in un momento difficile

Alessio Romagnoli guiderà ancora la difesa del Milan in Europa League, non solo per la qualificazione ma anche per ritrovare la fiducia in sé stesso.

Alessio Romagnoli e Stefano Pioli (
Alessio Romagnoli e Stefano Pioli (©Getty Images)

Vincere per ripartire, vincere per dimenticare il brutto derby perso. Il Milan, ad appena quattro giorni dall’amara sconfitta contro l’Inter, può riscattarsi in Europa League. Il Diavolo ha diversi risultati per qualificarsi agli ottavi di finale, ma la vittoria manca da tre gare e i rossoneri vogliono il pronto riscatto.

Un successo che ha un valore che trascende la semplice qualificazione al turno di coppa, ma che serve a ritrovare morale dopo un momento duro, il primo di questa stagione. Per questo Stefano Pioli, in un ampio turnover annunciato, ha deciso di non rinunciare a Capitan Romagnoli, uno dei più bisognosi di ritrovare fiducia. Infatti sarà Simon Kjaer a riposare e a far posto a Tomori: il calciatore di proprietà del Chelsea torna in campo dopo aver ben figurato ale prime partite.


Leggi anche:


Romagnoli deve riscattarsi

Dopo il derby l’opinione pubblica ha puntato il dito contro Romagnoli per qualche gara sottotono. Il difensore è apparso poco lucido contro l’Inter, sovrastato dal belga Romelu Lukaku. La prova ha bissato la sfortunata trasferta di Belgrado, quando il centrale ha causato il rigore con un fortuito tocco di mano: tra l’altro, una situazione che lo ha portato all’ammonizione e quindi alla diffida.

Stefano Pioli ha sempre detto che un momento duro sarebbe arrivato in stagione, ed è per questo che non vuole demoralizzare il gruppo. Per questo motivo il tecnico decide di dare fiducia al proprio capitano: un segnale importante sotto tutti i punti di vista.

Una scelta, oltre che tecnica, atta a ridare fiducia al giocatore, troppo spesso criticato sui social in questi giorni. Il difensore è chiamato a riscattarsi sul campo per poter trascinare il gruppo nello spogliatoio, dove la sua leadership è ancora solida.

L’allenatore rossonera, come ribadito in conferenza stampa, si fida del suo capitano ed è pronto a lanciarlo nel momento più delicato. Il capitano, dal canto suo ci ha sempre messo la faccia sui social ed è pronto a guidare la squadra nel momento più delicato della stagione.