Calciomercato Milan, Condò non ha dubbi: “Un nuovo centravanti con Ibra”

Il Milan ha bisogno di un nuovo attaccante che non faccia sentire l’assenza di Zlatan Ibrahimovic. Il centravanti per Condò sarà la priorità nel prossimo mercato

nuovo attaccante
Zlatan Ibrahimovic (©Getty Images)

L’assenza di Zlatan Ibrahimovic ieri sera contro l’Udinese si è fatta sentire non poco. La prestazione di Rafael Leao è stata davvero negativa. Il portoghese ha dimostrato ancora una volta di non essere pronto per occupare quel ruolo e che si destreggia meglio da esterno di sinistra.

Il Milan, consapevole del problema, a gennaio aveva deciso di investire proprio sull’attaccante, per ovviare alle possibili assenze di Ibrahimovic. L’apporto fin qui dato da Mario Mandzukic, però, non è stato minimamente sufficiente.

Ieri era out per infortunio ma quando è sceso in campo non è riuscito a dare una mano alla squadra, come sperava il club. L’assenza di Bennacer e Calhanoglu, nel match di ieri, ha ulteriormente complicato i piani di Stefano Pioli, tradito, stavolta, dai suoi giovani

“La squadra di Pioli, che nel girone d’andata ha guadagnato credibilità anche e soprattutto per come sapeva rimediare alle assenze che via via la colpivano, ha chiesto ieri ad alcuni dei suoi potenziali inesplorati la mano necessaria per supplire alle mancanze di Ibra e Calhanoglu, e non l’ha ottenuta – analizza stamani il giornalista Paolo Condò su La Repubblica – Ha portato a casa la pelle anche se un po’ bruciacchiata dalla grande paura e dai buoni risultati delle rivali, ma Pioli ha il diritto di sentirsi un po’ deluso da talenti che al momento non brillano”.


Leggi anche:


Nuovo attaccante

Condò, in vista del prossimo calciomercato, ha davvero pochi dubbi. Serve un centravanti vero che non faccia sentire l’assenza di Zlatan Ibrahimovic:

“Chi lavora sul futuro del Milan ha ben chiaro che la prima posizione da mettere a posto, con un acquisto valido per i prossimi cinque anni, sarà quella del centravanti. Che non vuol dire congedare Ibra, ma mettergli accanto un pari grado e non un fan”.