Ibrahimovic canta a Sanremo con Mihajlovic | VIDEO

L’esibizione di Ibrahimovic e dell’amico Sinisa Mihajlovic al festival di Sanremo, con tanto di canzone eseguita sul palco.

Ibra canta con Mihajlovic
Sinisa Mihajlovic e Zlatan Ibrahimovic a Sanremo (Getty Images)

La terza serata del Festival di Sanremo è stata dedicata alle canzoni d’autore della musica italiana.

Gli artisti in gara si sono esibiti in 26 cover, ovvero riesecuzioni di pezzi già noti del passato. Ma sul palco non hanno cantato soltanto gli artisti.

Ieri è toccato pure a Zlatan Ibrahimovic intonare una canzone in diretta. Con lui c’era l’amico storico Sinisa Mihajlovic, uno degli ospiti tanto attesi del giovedì sanremese.


Leggi anche:


L’amicizia tra Ibra e Sinisa sulle note di “Io Vagabondo”

Mihajlovic è stato invitato sul palco da Ibra ed Amadeus, prima di tutto per parlare della sua storia calcistica e del forte legame con l’attaccante del Milan.

I due hanno raccontato come, inizialmente, si erano letteralmente odiati in campo. Quando Ibra giocava nella Juventus e Mihajlovic all’Inter arrivarono persino alle mani sul terreno di gioco.

Poi il tutto è sfociato in un rapporto sincero e simbiotico, che dura tutt’oggi. “Quando è venuto all’Inter gli avrei voluto dare una testata” – ha detto Sinisa. Mentre lo svedese ha replicato: “Sini è uno dei migliori contro cui ho giocato. Gli altri sono Paolo Maldini e Chiellini”.

Mihajlovic ha ancora raccontato della sua lotta contro la leucemia, fortunatamente stravinta dal serbo: “Quando seppi di questa malattia mi crollò tutto addosso. Poi mi rialzai e sapevo già che avrei vinto”.

Infine è arrivato il momento della canzone: accompagnati da Fiorello, i due si sono esibiti sulle note di Io Vagabondostorico brano de I Nomadi.

Se Ibrahimovic è apparso piuttosto timido e impacciato nell’esibizione canora, Mihajlovic si è letteralmente scatenato. Un momento divertente sul palco di Sanremo, anche molto seguito, con il corollario dei numerosissimi commenti gunti dai social.

CLICCA QUI PER IL VIDEO DELL’ESIBIZIONE DI IBRAHIMOVIC E MIHAJLOVIC