Sergio Ramos: “Ibra? Non lo conosco, ma è un esempio per me”

Sergio Ramos ha rilasciato una lunga dichiarazione su Zlatan Ibrahimovic, lasciando trapelare tutta la sua stima e ammirazione nei confronti dello svedese

Sergio Ramos Zlatan Ibrahimovic
Sergio Ramos e Zlatan Ibrahimovic (©Getty Images)

Sergio Ramos, bandiera storica del Real Madrid, ha parlato di Zlatan Ibrahimovic durante la presentazione di “La Leyenda de Sergio Ramos” – il docu-film che verrà lanciato ad aprile sulla piattaforma streaming di Amazon: Prime Video. La serie Amazon Original si suddivide in sei episodi e racconta le tappe più importanti della carriera del difensore del Real Madrid – un percorso epico e glorioso.

La leggenda spagnola del calcio, come dicevamo, si è soffermato a parlare della figura di Zlatan Ibrahimovic. Sergio ha ammesso di non conoscere direttamente lo svedese, ma che comunque è impossibile non stimarlo per la carriera condotta e per gli obiettivi raggiunti.

Importante il focus di Ramos sull’età di Zlatan, che ancora a 39 anni è capace di spostare gli equilibri ed essere assolutamente decisivo. Continuando, il difensore del Real Madrid, che ha 34 anni, si è soffermato in generale sull’età dei calciatori. A parer dello spagnolo non esistono giocatori vecchi o giovani, ma solo bravi e meno bravi.

Ad ogni modo, tantissime le parole di elogio e ammirazione dello spagnolo nei confronti di Zlatan. Parole pronunciate da chi è anch’esso definito come uno tra i calciatori più forti di sempre, che del suo ruolo di difensore ne ha fatto una cultura e una bandiera.


Leggi anche:


La dichiarazione di Ramos su Ibrahimovic

Queste la lunga dichiarazione di Sergio Ramos su Zlatan Ibrahimovic, durante la presentazione del docu-film che lo vede protagonista:

Ho una stima speciale per Ibrahimovic, anche se non abbiamo mai avuto contatti diretti. Ma non puoi non apprezzare una carriera come la sua. Un grandissimo giocatore, un ’killer’ per quello che dimostra fuori e dentro il campo. È un esempio per tutti i giocatori. Ha giocato in paesi diversi, torna in Europa a 39 anni e continua ad essere decisivo. Un vero esempio, e veniva da un brutto infortunio! Il fatto che voglia tornare in nazionale è motivo d’orgoglio per lui e per tutto il mondo del calcio. Questo mondo ha bisogno di top player e l’età non è importante. Non esistono giocatore giovani o vecchi ma giocatori scarsi e forti, e Zlatan è assolutamente un campione”.