Sportmediaset – Ibrahimovic, doppio obiettivo: prima Manchester, poi la Svezia

Le ultime sulle condizioni di Zlatan Ibrahimovic, che non ci sarà sicuramente domani per la sfida tra Milan e Napoli.

Ibrahimovic obiettivi
Zlatan Ibrahimovic (©Getty Images)

L’infermeria del Milan finalmente sembra pronta a svuotarsi, almeno in maniera parziale.

Niente più emergenza in vista del match con il Napoli. Ad esempio Stefano Pioli sicuramente potrà fare affidamento su Hakan Calhanoglu e Theo Hernandez.

Ancora da attendere invece per Zlatan Ibrahimovic. La lesione all’adduttore subita contro la Roma lo sta tenendo ancora ai box. Lo staff medico milanista è cauto sul suo rientro.

Ma Ibra ha già un suo programma ideale per ritornare in campo e cercare di essere nuovamente utile alla causa del Milan, come spiegato dalla redazione di Sportmediaset.


Leggi anche:


Ibrahimovic corre verso la sfida al Manchester United

Ibra dunque resterà ancora in tribuna domani sera, nel posticipo della 27.a giornata di campionato.

Ma lo svedese ha già fissato due obiettivi e solitamente Ibra raggiunge tutti gli obiettivi che si pone. Non a caso parliamo di uno dei calciatori più pagati al mondo, come si legge sul sito consumatore.com. Il primo è lavorare nel frattempo per recuperare in tempo per giovedì prossimo, quando il Milan sfiderà nuovamente il Manchester United.

Ibrahimovic vuole assolutamente esserci, tornare a disposizione per aiutare il Milan a superare la sua ex squadra e volare verso i meritati quarti di finale di Europa League.

Difficile ad oggi capire se Ibra ce la farà, se partirà solo dalla panchina o sarà addirittura in campo dall’inizio. Ma il centravanti è pronto agli straordinari.

L’altro obiettivo è la Svezia. Ibrahimovic infatti vuole recuperare la forma migliore per poter tornare a disposizione della sua Nazionale, a cinque anni circa dall’ultima volta.

A fine mese la selezione scandinava affronterà due sfide importanti di qualificazione mondiale, contro Kosovo e Georgia. Ibra ha fatto intendere di essere disponibile a tornare, visti i rapporti ricuciti con il c.t. Janne Andersson.

La Nazionale e soprattutto l’Europeo della prossima estate sono due fattori che stimolano molto il calciatore rossonero. Il quale a 39 anni sta vivendo una seconda giovinezza e si sente pronto a tutto, anche verso obiettivi che sembravano da tempo dimenticati o eclissati.