Theo Hernandez su Ibrahimovic: “Vuole sempre la palla, ma io voglio segnare”

Il rapporto tra Theo Hernandez e Zlatan Ibrahimovic è molto positivo, ma il terzino ha svelato alcuni ‘mugugni’ sul campo.

Theo su Ibrahimovic
Ibrahimovic e Theo Hernandez (©Getty Images)

Nell’intervista rilasciata a Sportweek e pubblicata oggi, il terzino rossonero Theo Hernandez non poteva non parlare del più esimio dei suoi compagni di squadra.

Il numero 19 del Milan ha riservato qualche parola per Zlatan Ibrahimovic, vero e proprio leader della squadra di mister Stefano Pioli.

Ottimo il rapporto tra i due, visto che Ibra tende sempre a legare con i compagni giovani e talentuosi. Theo ha raccontato un retroscena che fa capire come lo svedese ci tenga a lui.

Ibra è un grande, ci motiva e ci da tanti consigli, a volte anche critiche costruttive. Quando sono tornato dalle vacanze, mi ha detto: ‘dove vai? Pesi 90 chili!‘ Ero un po’ ingrassato… Ma mi ha fatto capire che sono forte, che crede in me e mi ha spronato a diventare il migliore, lavorando ogni giorno”.


Leggi anche:


Theo e le urla di Ibrahimovic: “Vuole sempre il pallone”

In campo i due si cercano spesso. Theo e Ibrahimovic sono tra i calciatori tecnicamente più validi e importanti del Milan attuale e per tale motivo c’è feeling.

Anche se il terzino ha ammesso di essere a volte un po’ egoista: “Non mi accontento mai. Quando vedo la porta voglio andare dritto e fare gol. Mi piace molto, ne voglio fare almeno 8 quest’anno e superare il mio record. Pioli mi dice di andare avanti e allora quando vedo la porta, tiro”.

Scelte che Ibrahimovic, altro calciatore dotato di un grande ego, a volte non approva: “A volte sento Ibra che mi urla, perché vuole sempre la palla” – ammette Theo. In effetti anche da spettatori si intuisce come lo svedese non sia restio a rimproverare i compagni e chiedere a tutti di servirlo il più possibile.

L’accoppiata Theo-Ibra è tra le più prolifiche del Milan 2020-2021. Assieme i due hanno finora totalizzato 21 reti ufficiali. Nonostante in stagione siano dovuti restare fermi spesso, tra contagio al Covid-19 e vari stop muscolari.