Nuovo San Siro, Inter irritata con Sala | La decisione del club

Non scorre buon sangue tra l’Inter e Beppe Sala in questo periodo. La società nerazzurra ha preso una decisione dopo le ultime parole del sindaco di Milano.

Stadio Populous Milan
Nuovo San Siro – Progetto Populous

In queste settimane non si registrano passi avanti nelle trattive per il progetto stadio di Milan e Inter. Anzi, c’è una situazione di stallo dichiarata.

Il sindaco Giuseppe Sala ha detto pubblicamente che vuole chiarezza da parte del club nerazzurro sulle vicende societarie. È risaputo che il gruppo Suning sta cercando nuovi investitori e a Palazzo Marino vogliono capire bene la situazione prima di andare avanti con il dossier del nuovo stadio.


Leggi anche:


Inter VS Sala: club nerazzurro irritato col sindaco

L’Inter non ha apprezzato affatto la presa di posizione di Sala. C’è stato anche un comunicato ufficiale nel quale la società nerazzurra si è detta offesa dalle parole del sindaco di Milano. C’è tensione tra le parti in questo momento e il Milan fa da spettatore.

Oggi La Gazzetta dello Sport conferma che l’Inter è molto irritata con Sala e i vertici dirigenziali non hanno alcuna intenzione di andare da lui per i chiarimenti richiesti. Ciascuna delle parti rimane nella propria posizione, dunque.

Il quotidiano sportivo nazionale spiega che la famiglia Zhang, nonostante lo stop dalla Cina a certi investimenti, non sarebbe intenzionata a vendere la maggioranza delle azioni del club. Il gruppo Suning cerca investitori, però la volontà è quella di restare ancora alla guida dell’Inter.

Stabilito questo, la società nerazzurra non intende fornire nessun ulteriore chiarimento a Sala. Il progetto stadio è ritenuto fondamentale, così come per il Milan, e nelle scorse settimane sono state presentate ulteriori dettagliate documentazioni per portare avanti il tutto. I club si sono impegnati a seguire le linee guida del Comune e si aspettano risposte positive prossimamente.

Vedremo se tra Sala e l’Inter il gelo si scioglierà prossimamente. Magari proprio il Milan può fare da “mediatore” per allentare le tensioni di questo periodo.