Brahim Diaz: no all’Arsenal, c’è un accordo Milan-Real

Milan e Real Madrid si siederanno attorno ad un tavolo prima della conclusione della stagione. Sul piatto finirà il futuro di Brahim Diaz. Ecco la situazione

Brahim Diaz futuro
Brahim Diaz (© Getty Images)

Brahim Diaz è finalmente tornato protagonista con la maglia del Milan. Il fantasista spagnolo si è messo alle spalle l’infortunio e dopo un paio di partite di buon livello è risultato decisivo nella gara contro la Fiorentina, con il gol del momentaneo pari.

Stefano Pioli è stato bravo, nel corso della gara, a spostarlo nel ruolo più congeniale alle sue caratteristiche, quello di trequartista dietro la punta. Si è scambiato con Hakan Calhanoglu e il Milan, anche grazie all’ingresso in campo di Ismael Bennacer, ha cambiato passo, portando a casa tre punti di fondamentali importanza per la corsa alla Champions League.

Champions League che Brahim Diaz spera di giocare da protagonista ma con quale maglia? Il giocatore è arrivato in rossonero la scorsa estate con la formula del prestito secco. Il Milan – come racconta Gianluca Di Marzio – aveva provato a convincere Brahim a trasferirsi a Milano, già durante il mercato del 2019 ma senza successo.

Un anno dopo, come tutti sappiamo, Maldini e Massara sono riusciti a chiudere l’affare, battendo l’importante concorrenza dell’Arsenal, che con Arteta, che conosce bene il giocatore per averlo ammirato da vicino al City, aveva provato a convincerlo.

La stagione, fin qui, di Brahim Diaz è stata positiva. Lo spagnolo è riuscito a farsi trovare pronto quando è stato chiamato in causa da Pioli. E’ evidente che debba ancora crescere, soprattutto sotto porta. Pochi i due gol e i tre assist, messi a segno, ma Brahim è risultato un ottimo sostituto di Hakan Calhanoglu.


Leggi anche:


L’accordo con il Real

Il Milan, come ricordato, ha prelevato il giocatore in prestito secco ma ha raggiunto, in sede di trattativa, un accordo sia con il Real che con il giocatore di sedersi e riparlarne prima che finisca il campionato.

Difficile, ad oggi, fare pronostici ma appare evidente – visti gli ottimi rapporti tra i due club – che molto dipenderà dal calciatore, che non vorrebbe dire addio definitivamente ai blancos. Non si può escludere che alla fine le parti decidano di rinnovare il prestito di un ulteriore anno.