Calhanoglu: “Io al Galatasaray? Ho un tatuaggio che dice tutto”

La confessione di Hakan Calhanoglu alla televisione turca, su un suo futuro forse lontano dal club rossonero.

Hakan Calhanoglu
Hakan Calhanoglu (©Getty Images)

Sono ben 14 i calciatori del Milan che hanno lasciato il quartier generale di Milanello già da questa mattina, per raggiungere i ritiri delle rispettive nazionali.

Uno di questi è Hakan Calhanoglu. Il turco ha risposto presente alla chiamata della sua selezione, visto che in patria è considerato un calciatore di grande spessore ed un titolare fisso.

Calhanoglu ieri a Firenze è anche tornato al gol dopo tre mesi (l’ultimo l’aveva segnato prima di Natale alla Lazio), ma è ancora in dubbio il suo rinnovo contrattuale con il Milan.

La scadenza attualmente è fissata al 30 giugno prossimo. Intanto qualche voce di mercato continua ad interessare il numero 10 rossonero.


Leggi anche:


Calhanoglu torna in Turchia? Ecco la sua rivelazione

Oggi Calhanoglu è tornato brevemente a parlare del suo futuro. Il rossonero è stato intercettato dall’inviato all’aeroporto di Istanbul dell’emittente nazionale A Spor.

Oltre che a parlare del suo impegno con la Nazionale turca, Calhanoglu ha risposto all’ipotesi di un suo trasferimento in patria, nelle fila del Galatasaray.

Il calciatore rossonero non si è affatto tirato indietro: “Il Galatasaray, spero di giocarci in futuro, perché no? Ho un tatuaggio che dice tutto: la figura di un leone, che dimostra quanto io sia tifoso di questa squadra”.

 

Insomma Calhanoglu dunque prevede un futuro a tinte giallorosse di Istanbul. Non è un caso se in passato, prima della sua esplosione col Milan, si era vociferato di un trasferimento al Galatasaray per rilanciarsi.

I rossoneri sono comunque fiduciosi sul buon esito delle trattative per il rinnovo, nonostante l’agente Gordon Stipic sia un osso duro in tal senso.

Inoltre non sembra siano giunte alle orecchie di Calhanoglu offerte vere e proprie in vista della prossima stagione. Il Milan resta la sua priorità, ma in un futuro lontano non è da escludere un ritorno in Turchia.