Ibrahimovic, futuro al Milan | L’indizio che avvicina il rinnovo

Ibrahimovic è sempre più vicino a siglare il rinnovo di contratto con il Milan. Arriva anche un segnale dalla sua Svezia.

Zlatan Ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic (Getty images)

Da ieri è cominciata la seconda esperienza di Zlatan Ibrahimovic come perno della Nazionale svedese.

L’attaccante del Milan è tornato in patria per rispondere alla chiamata del c.t. Janne Andersson e dare una mano al suo paese in vista delle qualificazioni ai Mondiali 2022.

Chissà se per quell’evento Zlatan sarà ancora in campo, ma intanto il campione classe ’81 pensa al suo prossimo futuro. Come riporta oggi il Corriere della Sera, Ibra starebbe ormai per sciogliere le riserve in vista della prossima stagione.


Leggi anche:


Ibra felice: la famiglia lo raggiungerà a Milano

Ieri ha fatto scalpore il pianto commosso di Ibrahimovic in conferenza stampa, per anticipare le prossime gare ufficiali della Svezia.

Il centravanti si è lasciato andare nel parlare del rapporto con i figli, che vivono ancora in patria assieme alla moglie Helena, e che non avrebbero voluto separarsi da lui che ha invece scelto di sposare la causa Milan.

Ibra ha dimostrato la sua fragilità da padre di famiglia. Un momento toccante che nessuno si aspettava, visto quanto lo svedese si mostri come uomo duro e intaccabile.

Ma per lui c’è una buona notizia: pare che Helena ed i figli Vincent e Maximilian sono pronti a fare armi e bagagli e raggiungere Zlatan in Italia. I piani della famiglia Ibrahimovic sono quelli di riunirsi in vista dell’estate a Milano.

Un indizio molto chiaro riguardo al futuro di Ibra in campo. A questo punto appare evidente come sia destinato a restare dalle parti di Milanello, rinnovando di fatto il suo contratto in scadenza con il Milan.

L’ipotesi di un prolungamento fino a giugno 2022 era già stata confermata a mezza bocca dallo stesso Ibra. Ma l’arrivo della sua famiglia sembra essere la prova assoluta. Ieri Zlatan ha parlato così del Milan e dei suoi compagni di squadra: “Siamo molto uniti, quando non ci sono mi mancano. E loro mi aspettano sempre, come se Zlatan dovesse indicargli cosa fare”.