Rinnovo Donnarumma, contatti Milan-Raiola | Il club valuta tre sostituti

Nessun incontro in programma tra il Milan e Raiola, che comunque dialogano al telefono sul rinnovo di Donnarumma. Spuntano delle alternative.

Gigio Donnarumma
Gianluigi Donnarumma (©Getty Images)

Non si registrano passi avanti nella trattativa per il rinnovo di contratto di Gianluigi Donnarumma. Il Milan sta facendo qualsiasi sforzo per arrivare a un accordo, ma forse è più difficile di quanto la dirigenza si aspettasse.

Dalla proprietà Elliott c’è sempre stata apertura a prolungare garantendo a Gigio un aumento di ingaggio rispetto a quello attuale, già molto alto, di 6 milioni di euro netti annui. Il problema è che Mino Raiola, agente del portiere campano, chiede una cifra che va oltre l’offerta rossonera. La negoziazione non sta facendo i progressi auspicati.


Leggi anche:


Calciomercato Milan, rinnovo Donnarumma in standby

Oggi La Gazzetta dello Sport spiega che, al momento, non ci sono incontri in programma tra il Milan e Raiola. Comunque rimangono frequenti i contatti telefonici tra Paolo Maldini, Frederic Massara e l’agente di Donnarumma.

Il club rossonero è arrivato a offrire 8 milioni di euro netti a stagione, un aumento importante rispetto all’attuale stipendio percepito da Gigio. Di fronte a una simile proposta, non ci sarebbe neppure bisogno di fare grandi discussioni, ci sarebbe da firmare quanto prima. La Gazzetta dello Sport spiega che, invece, il procuratore del portiere campano non l’ha accettata e riflette su altre possibilità per il suo assistito. Tuttavia le porte delle principali squadre europee sono già blindate.

Continua a trapelare il desiderio di Donnarumma di rimanere al Milan per disputare la Champions League con la squadra di cui è tifoso da sempre. Però questa situazione di stallo della trattativa per il rinnovo non rappresenta lo scenario ideale. La dirigenza rossonera è costretta a valutare anche altri portieri, per farsi trovare pronta a qualsiasi sviluppo. I nomi presi in considerazione sono Mike Maignan del Lille, Juan Musso dell’Udinese e Pierluigi Gollini dell’Atalanta. Tutti e tre con ingaggi decisamente inferiori a Gigio.