Sportmediaset – Milan, rinnovo Ibrahimovic: possibile proposta a ribasso

Ancora da valutare l’offerta per il rinnovo annuale di Ibrahimovic: molto dipenderà dalle condizioni dell’attaccante.

Ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic (©Getty Images)

Se si pensa al futuro prossimo di Zlatan Ibrahimovic, i dubbi sembrano essere sempre minori. L’attaccante del Milan ha giurato più volte fedeltà ai colori rossoneri, facendo intendere nelle recenti interviste di non aver alcun problema a continuare almeno per un’altra stagione.

La soluzione migliore per tutti. Ibra ha rilanciato il Milan con la sua leadership e vuole ancora proseguire la propria carriera da centravanti, anche oltre i 40 anni. Il club di via Aldo Rossi lo stima a tal punto da volerlo blindare almeno fino al giugno 2022.

A fine campionato dovrebbe arrivare la fumata bianca per il rinnovo annuale. Ma secondo la redazione di Sportmediaset non è escluso che possano sorgere alcuni dubbi da qui al termine della stagione, relativi a questioni in particolare economiche e fisiche.


Leggi anche:


Ibrahimovic, il Milan abbassa l’offerta: dipenderà dagli infortuni

L’emittente televisiva oggi ha parlato di una possibile offerta a ribasso da parte del Milan per blindare Ibrahimovic. Al momento lo svedese sembra pronto a chiedere una conferma, fino al 2022, dell’attuale ingaggio: Ibra percepisce 7 milioni netti annui dal club.

Ma tale lauto stipendio potrebbe variare consistenza. Tutto dipenderà dalle condizioni fisico-atletiche di Ibrahimovic, che in questa stagione ha saltato già circa il 45% degli incontri ufficiali con il Milan. Tra stop muscolari di vario genere e contagio al Covid-19, lo svedese è troppo spesso risultato indisponibile.

Se da qui a maggio prossimo Ibrahimovic dovesse soffrire ancora di lesioni o affaticamenti muscolari, la dirigenza del Milan potrebbe dunque rivedere l’offerta contrattuale. Diventerebbe impossibile concedere ben 7 milioni netti ad un calciatore che atleticamente non può più dare garanzie.

Sportmediaset parla di una proposta alternativa da 4 milioni di euro come parte fissa di stipendio, più diversi bonus che potranno variare in base alle presenze, ai traguardi personali e di squadra. Chissà se Mino Raiola, vulcanico agente di Ibra, sarà d’accordo.

Ibra incanta in Svezia: si incorona nuovo Re

Intanto Ibrahimovic non pensa affatto ai suoi eventuali problemi fisici. Il suo pallino fisso è il ritorno con la Nazionale svedese, già andato in scena positivamente giovedì sera contro la Georgia. Assist vincente da parte del milanista per il gol-vittoria di Claesson.

E come al solito Ibra ha celebrato tale prestazione con ben poca umiltà. Sui suoi profili social si è auto-proclamato nuovo Re di Svezia. Nessun dubbio sulle sue qualità tecniche infinite, ma il fisico di Ibra recentemente ha dato anche qualche segnale di cedimento.