Spagna-Italia U21, Brahim Diaz: “Con Tonali ci siamo presi in giro per questo match”

Stasera si incontreranno negli Europei Under 21 Spagna e Italia. Brahim Diaz, per l’occasione, ha parlato del compagno in rossonero Sandro Tonali 

Tonali Brahim Diaz
Tonali, Brahim Diaz e Rebic (©Getty Images)

Stasera, alle ore 21.00, andrà in scena un prestigioso Spagna-Italia, match valido per la fase a gironi dell’Europeo Under 21. Tra le fila della nazionale spagnola ci sarà il talentuoso rossonero Brahim Diaz; purtroppo negli azzurrini di Nicolato sarà assente Sandro Tonali.

I due compagni al Milan avrebbero potuto incontrarsi e divertirsi da rivali nel match che avrà inizio tra poche ore. Peccato però che il giovane Sandro sia stato espulso nella gara d’esordio giocata contro la Repubblica Ceca. Per il centrocampista italiano sono state decise ben tre giornate di squalifica dalla Nazionale azzurra Under 21.

Dura punizione, che lo ha costretto a tornare a Milanello ad allenarsi con i compagni non convocati dalle rispettive Nazionali. Eppure i due giovanissimi, Brahim Diaz e Tonali, parlavano da tempo di questo match che li avrebbe visti appunto rivali.

Fatto, che lo stesso trequartista spagnolo ha reso pubblico in conferenza stampa. Queste le parole di Brahim:

Abbiamo parlato con Sandro di questa partita tante volte in queste settimane, quando ancora eravamo con la squadra. Ci siamo presi un po’ in giro (ride, ndr). Ma oggi saremo avversari con l’Italia di Tonali. Peccato che lui non sarà in campo. Io penso che lui è’ un calciatore molto forte e il fatto che non ci sia è rilevante. Noi pensiamo però solo a noi stessi, alla nostra squadra e ai nostri calciatori”.


Leggi anche:


Tonali, la vera incognita del nuovo Milan

Sandro Tonali, dopo esser arrivato al Milan, ha fatto discutere di sè, e non in positivo. Considerato un astro nascente del calcio italiano, ha faticato e non poco ad affermarsi sul campo. Troppo timido, quasi impaurito nel gesto tecnico, ha visto tante critiche piombargli addosso.

Il Milan lo ha prelevato dal Brescia con la formula del prestito oneroso (10 milioni di euro) con un diritto di riscatto da poter esercitare in estate fissato a 15 milioni più 10 di bonus. Un’operazione affatto economica, che la società rossonera ha voluto rischiare basandosi sul grande talento che Tonali aveva mostrato.

Tonali
Sandro Tonali (©Getty Images)

Eppure, il giovane centrocampista sta faticando parecchio: ha fatto bene a sprazzi, meglio nella fase d’interdizione che di costruzione. Ci si aspetta di più da Sandro, che da sempre un cuore rossonero, ha sentito sicuramente il peso enorme della maglia.

Il finale di stagione potrà essergli utile per mostrare quando di buono è capace di fare, e di adattarsi finalmente al centrocampo a due tanto caro a Stefano Pioli.