Ranieri: “Sappiamo cosa dobbiamo fare, il Milan non è solo Ibra”

Claudio Ranieri presenta la sfida della sua Sampdoria domani a Milano contro i rossoneri del suo allievo Stefano Pioli.

Claudio Ranieri
Claudio Ranieri (© Getty Images)

Le ambizioni e gli obiettivi di Milan e Sampdoria sono molto diversi, ma entrambe le compagini vorranno aggiudicarsi i tre punti in palio. Nell’anticipo del lunch time di domani la compagine blucerchiata vorrà dare seguito alla preziosa vittoria ottenuta contro il Torino nell’ultimo turno di campionato.

Claudio Ranieri, allenatore della squadra genovese, riabbraccerà anche uno dei suoi allievi: Stefano Pioli. Il tecnico dei doriani ha allenato l’allenatore del Milan per quattro stagioni. I due da allora hanno avuto un rapporto splendido, tanto che oggi il tecnico del Diavolo ha dichiarato che Ranieri in carriera gli ha dato moltissimo.


Leggi anche:


Ranieri: “Quagliarella è il nostro Ibra”

La Sampdoria ha compiuto un passo importante verso la salvezza, battendo il Torino nello scontro diretto, tuttavia la compagine guidata da Claudio Ranieri vorrà provare a espugnare San Siro. L’allenatore romano ha presentato la gara nell’odierna conferenza stampa tenutasi a Bogliasco.

Ecco un estratto delle sue parole in vista della gara di domani alle ore 12.30:

Noi assieme a Napoli e Milan siamo la squadra che ha ottenuto più punti rispetto al campionato scorso, questo vuol dire che stiamo facendo ottime cose”.

Su Ibrahimovic:

Il Milan non è solo Ibra ma lui è un grande campione, un giocatore a tutto tondo che sta dimostrando cosa vuol dire la passione per questo gioco: è un professionista esemplare, si allena bene e si sacrifica molto mettendo combattività e voglia di dimostrarsi. Lui stimola i suoi compagni e quando non c’è i compagni vogliono dimostrare di essere alla sua altezza. Ma noi abbiamo Quaglierella che stimola i compagni proprio come fa Ibra”.

Sul Milan e la gara di domani:

“Voglio vedere un Samp gagliarda. Sappiamo come gioca al Milan, è una pretendente allo scudetto. Ci siamo allenati bene con percorsi mirati e la squadra ha risposto davvero bene”.

Sulla sosta:

“La sosta è sempre problematica, noi abbia Yoshida che è stato in Giappone”.

Sugli infortuni:

“Ekdal non ci sarà, giocherà Adrien Silva”.

Su Stefano Pioli:

“Sta facendo grandissime cose, sono contento per lui visto che lo ho allenato per quattro anni”.