Milan, rinnovi Donnarumma e Calhanoglu: Ibrahimovic la garanzia

Il rinnovo di Ibrahimovic potrebbe incoraggiare Calhanoglu e Donnarumma a firmare nuovi accordi con il Milan. Le due trattative sono in fase di stallo. La situazione

Ibra e Calhanoglu
Ibra e Calhanoglu (© Getty Images)

Il tempo è ormai scaduto ma il Milan non ha ancora perso la speranza di vedere anche la prossima stagione, in maglia rossonera, sia Hakan Calhanoglu che Gigio Donnarumma. Le trattative per i rinnovi del numero dieci turco e per il portiere italiano stanno vivendo una fase di stallo, con le parti ferme sulle loro posizioni.

La svolta, per il rinnovo, è invece arrivata con Zlatan Ibrahimovic. Lo svedese si appresta a firmare per un’ulteriore stagione. Una firma importante, che dà continuità al progetto e che potrebbe essere una sorta di garanzia per Calhanoglu e Donnarumma. Come scrive Tuttosport, in edicola stamani, il Milan spera che il rinnovo di Ibra possa sbloccare quelli del portiere e del trequartista.


Leggi anche:


Il punto sulle trattative

La distanza tra il Milan e Calhanoglu continua ad essere di un solo milione, con il fantasista che vorrebbe guadagnare 5 milioni di euro netti a stagione. Una distanza non incolmabile ma i rossoneri, al momento, rimangono fermi sull’offerta di 4, convinti che la proposta formulata sia più che competitiva. Calhanoglu, poi, ha dato priorità al Milan e non sono esclusi nuovi aggiornamenti in tempi brevi.

Per quanto riguarda Donnarumma, la situazione è decisamente più complessa. C’è differenza di vedute sulla lunghezza del contratto, che Mino Raiola vorrebbe breve, di uno, al massimo due anni, a cifre esagerate 10-12 milioni di euro netti a stagione.

Il Milan, invece, vorrebbe blindare il suo portiere con un accordo lungo, di 4-5 anni, per non ritrovarsi in una situazione identica fra pochi mesi. I rossoneri, inoltre, non vorrebbero andare oltre gli otto milioni di euro netti a stagione, bonus inclusi.

Pioli, nel corso dell’ultima conferenza stampa, ha ammesso che Donnarumma e Calhanoglu non sono distratti dalle trattative e che il loro futuro è adesso. Appare evidente che una qualificazione in Champions League darebbe una mano importante a raggiungere un accordo con entrambi. Testa e gambe, dunque, a Parma, dove sabato serviranno assolutamente i tre punti per non rischiare di perdere il secondo posto.