Insigne, la pretesa di De Laurentiis che complica il rinnovo

Insigne vuole il rinnovo di contratto col Napoli, ma la trattativa decollerà solo verso fine stagione. Intanto l’agente incontra il Milan.

Lorenzo Insigne
Lorenzo Insigne (©Getty Images)

Nella giornata di ieri è andato in scena un incontro a Casa Milan tra la dirigenza rossonera e Vincenzo Pisacane, agente di Lorenzo Insigne e di altri calciatori.

Una visita che è stata definita “di cortesia”, ma è normale pensare che vi possa essere qualche sviluppo nel caso in cui il capitano del Napoli non dovesse rinnovare il suo contratto in scadenza a giugno 2022. Sicuramente è un po’ presto per parlare di trattative, però è logico che il summit tra le parti abbia alimentato qualche ipotesi di mercato per il futuro.


Leggi anche:


Insigne, rinnovo col Napoli complicato

La Gazzetta dello Sport spiega che la volontà di Insigne è quella di continuare a giocare nel Napoli e di chiudere la carriera in maglia azzurra. Il presidente Aurelio De Laurentiis concorda con questa prospettiva e dunque c’è una buona base di partenza per trattare il rinnovo di contratto.

In preparazione c’è un accordo di cinque anni per permettere al 29enne fantasista napoletano di concludere la sua carriera con la squadra del cuore. Il problema è di carattere economico. Insigne attualmente percepisce un ingaggio da 4,5 milioni di euro netti a stagione, De Laurentiis è disposto a offrirne 3 annui più dei bonus che gli permetterebbero di raggiungere la cifra di oggi. Tale proposta non convince il calciatore e il suo agente, che invece si aspettano un aumento per l’importanza che Insigne ha in squadra.

A fine campionato le parti si siederanno a un tavolo per discutere del rinnovo di contratto e sperano di raggiungere un accordo soddisfacente. Senza prolungamento contrattuale, sarà addio in estate. Sullo sfondo ci sono altre società a monitorare la situazione. Magari anche lo stesso Milan, seppur oggi sia coperto nel ruolo di esterno sinistro.

Insigne è uno dei più forti giocatori in Italia, quindi è normale che interessi al club rossonero. Con la qualificazione alla prossima Champions League e l’eventuale non rinnovo del fantasista con il Napoli, forse ci potrebbe essere un tentativo. Comunque appare difficile che il 29enne napoletano non prolunghi il contratto con il club azzurro. Ovviamente, fino a quando non ci saranno le firme, le ipotesi rimangono aperte.

Da non escludere che l’incontro di Pisacane con il Milan sia stata una mossa dell’agente per mettere pressione al Napoli o che in realtà abbia riguardato altri calciatori. Nelle prossime settimane di capirà meglio cosa accadrà.