Calciomercato Milan, Laxalt per arrivare al bomber

Diego Laxalt potrebbe essere utilizzato come pedina di scambio per arrivare ad Edouard del Celtic. Il Milan è alla ricerca di un centravanti da affiancare a Zlatan Ibrahimovic

Diego Laxalt
Diego Laxalt (©Getty Images)

Prosegue la ricerca di un attaccante da affiancare a Zlatan Ibrahimovic. Come raccontato, lo svedese è prossimo alla firma che lo legherà al Milan fino al 30 giugno 2022 ma le punte a disposizioni di Stefano Pioli saranno due.

Queste settimane serviranno a capire se Mario Mandzukic, tornato oggi tra i convocati, riuscirà a convincere la dirigenza a rinnovargli il contratto. Negli ultimi giorni sono stati tanti gli attaccanti accostati al Milan: due idee sono legate al campionato italiano. Sul taccuino dei rossoneri ci sarebbero infatti Andrea Belotti e Dusan Vlahovic.

Il centravanti del Torino ha un contratto in scadenza nel 2022 e può dunque lasciare a giugno i granata. Piace però anche alla Roma. Il calciatore della Fiorentina, che ha una valutazione di ben 40 milioni di euro, è il profilo che forse interessa più di tutti ma la concorrenza è davvero importante e Commisso non ha alcuna intenzione di fare sconti.

Altre due piste portano in Francia e addirittura in Scozia. I rossoneri, come Siviglia e Juventus, sono sulle tracce di Milik, che può liberarsi dal Marsiglia per 13 milioni di euro.


Leggi anche:


Laxalt carta per Edouard

La pista in Scozia, porta più precisamente a Glasgow, dove si sta mettendo in mostra Odsonne Edouard. Il centravanti classe 1998 ha realizzato in stagione 20 gol, in 34 partite disputate, e si è fatto notare dagli osservatori del Milan nel doppio confronto di Europa League, con la maglia del Celtic.

Il club rossonero per arrivare ad Edouard ha una carta importante da potersi giocare. Come riporta il Corriere dello Sport, Laxalt sta facendo bene in Scozia e potrebbe essere usato per abbassare il prezzo del centravanti.

Laxalt è uno dei calciatori in prestito di proprietà del Milan ma non è l’unico. I rossoneri, infatti, devono fare i conti con i possibili ritorni alla base di Andrea Conti (il Parma ha l’obbligo di riscatto in caso di salvezza) e Caldara, che l’Atalanta difficilmente acquisterà per 15 milioni di euro.