Diogo Dalot e Brahim Diaz, futuro incerto | Il piano del Milan

Il Milan sembra avere le idee chiare sulle mosse da fare con Manchester United e Real Madrid per Dalot e Diaz, arrivati in prestito secco.

Diogo Dalot
Diogo Dalot (©Getty Images)

Il Milan al termine della stagione dovrà discutere del futuro di diversi giocatori. Non ci sono dei rinnovi di contratto in ballo, ma anche dei riscatti e le conferme di certi calciatori.

Tra coloro che sono in bilico risultato pure Diogo Dalot e Brahim Diaz, entrambi sono arrivati con la formula del prestito secco e dovrebbero lasciare Milanello. Non essendo stato fissato un diritto di riscatto, il club rossonero dovrà fare eventualmente una trattativa ulteriore se sarà interessato a confermali anche per la prossima stagione.


Leggi anche:


Calciomercato Milan, il punto su Dalot e Diaz

Oggi La Gazzetta dello Sport spiega che il Milan è intenzionato a parlare con il Manchester United per confermare Dalot. Il club rossonero vorrebbe trattenere il terzino destro portoghese con una formula che offra maggiori garanzie. Nonostante gli alti e i bassi nel rendimento, Stefano Pioli e i dirigenti sembrano convinti che l’ex Porto possa essere un elemento importante anche per il futuro.

Capitolo Brahim Diaz. Il quotidiano sportivo nazionale scrive che il suo caso è uguale a quello di Dalot. Il Milan vuole dialogare con il Real Madrid per individuare una formula che possa permettere di tenere ancora il fantasista malagueño. L’ex Manchester City ha fatto vedere sprazzi importanti del suo talento durante questa stagione e a Pioli non dispiacerebbe averlo in organico ancora.

Brahim Diaz
Brahim Diaz (©Getty Images)

Probabilmente sia per Dalot che per Diaz si cercherà di strappare un prolungamento del prestito, ma andando a inserire un diritto di riscatto che consenta al Milan di acquistare a titolo definitivo i cartellini al termine della stagione 2021/2022. Bisognerà vedere se Manchester United e Real Madrid saranno d’accordo e se si potrà arrivare a un’intesa. I rapporti tra le parti sono buoni, però a volte non bastano.