Milan-Genoa, tutti recuperati: emergenza finita

Stefano Pioli e Davide Ballardini recuperano i pezzi. I due tecnici dovranno fare a meno di Ibra e Criscito squalificati ma ci sono tante buone notizie

Genoa-Mlian
Genoa-Mlian (©Getty Images)

Davide Ballardini può sorridere. L’infermieria del suo Genoa si svuota in vista del match di San Siro contro il Milan. Nei giorni scorsi si era parlato di una possibile emergenza a sinistra, vista la squalifica di Mimmo Criscito, ma non sarà così.

Dal centro di allenamento del Grifone arrivano, infatti, solo buone notizie. Zappacosta, che ha lasciato in dieci i suoi, durante Juventus-Genoa, per un fastidio muscolare, si è sottoposto agli esami del caso che non hanno evidenziato lesioni muscolari. L’ex Roma potrebbe dunque essere al suo posto contro i rossoneri.

Ci sarà quasi certamente Lenart Czysborra, che da oggi dovrebbe tornare ad allenarsi con il gruppo. Rispetto al match di Torino si prenderà una maglia da titolare anche Kevin Strootman, fondamentale per gli equilibri del Genoa.


Leggi anche:


Sorride anche Pioli

Anche in casa Milan l’infermieria è praticamente vuota. Alessio Romagnoli, come raccontato, anche ieri si è allenato in gruppo e certamente tornerà ad essere convocato da Stefano Pioli.

Il tecnico dei rossoneri avrà tutta la rosa a disposizione tranne Daniel Maldini e Davide Calabria. Lente di ingrandimento puntata sul terzino destro, che in questa settimana potrebbe tornare a lavorare, almeno parzialmente, con il resto del gruppo. Quasi impossibile una sua convocazione per il Genoa ma il Milan spera di riaverlo per la partita contro la Lazio.

E’ davvero presto per pensare alla formazione, che Pioli deciderà di schierare contro il Grifone ma non dovrebbe discostarsi molto da quella vista contro il Parma. Non ci sarà chiaramente Zlatan Ibrahimovic, fermato dal Giudice Sportivo per una giornata. Difficile pensare a Mario Mandzukic dal primo minuto. Il croato dovrebbe subentrare a partita in corso, con Rafael Leao titolare.

Sarà il portoghese a sostituire lo svedese ma è probabile che durante la partita si scambi di posto con Rebic, che inizialmente partirà da sinistra, completando la trequarti con Saelemaekers e Calhanoglu. Nessun dubbio a centrocampo, con Bennacer e Kessie ancora titolari. In difesa Kalulu parte ancora una volta in vantaggio su Dalot, per formare la linea a quattro di difesa, davanti a Donnarumma, con Kjaer, Tomori e Theo Hernandez