Ramadan, Milan con tre calciatori coinvolti: l’elenco degli altri in Serie A

Dal 13 aprile al 12 maggio, il mese di Ramadan per i musulmani, un precetto della religione islamica che coinvolge anche alcuni calciatori di Serie A, tre dei quali del Milan 

Kessie Calhanoglu
(Getty Images)

Un mese di digiuno dall’alba al tramonto da cibo e bevande che impone anche di evitare azioni e comportamenti che potrebbero vanificare quanto stabilito da uno dei precetti della religione islamica. Questo, in estrema sintesi, quanto prevede il mese di Ramadan, un periodo molto significati per i fedeli di religione musulmana, tra i quali figurano anche numerosi calciatori, alcuni dei quali hanno celebrato l’inizio del digiuno con un post sui social.

Da Pogba a Salah, da Ozil a Mané, sono tanti i big del pallone che osserveranno il precetto nonostante il momento clou della stagione che si avvia al mese finale con ancora tanti verdetti da scrivere con l’epilogo dei campionati e delle coppe europee.  Ramadan che, inevitabilmente, coinvolgerà anche la Serie A con i calciatori osservanti che dunque non potranno mangiare né bere prima, durante e dopo le partite che si disputeranno in orario diurno, una situazione non certo semplice da gestire per gli atleti nonostante siano consentite possibili deroghe concesse da parte delle autorità religiose o per particolari situazioni di necessità.


Leggi anche 


Milan, 3 calciatori osserveranno il Ramadan

Il Milan è uno dei club di Serie A con più calciatori coinvolti nell’osservanza del Ramadan. Sono i tre i rossoneri impegnati nel mese di digiuno ovvero Franck Kessie, Ismael Bennacer e Hakan Calhanoglu, quest’ultimo intervenuto con una stories su Instagram per celebrare l’inizio del precetto.

Hakimi Inter Real Madrid
Achraf Hakimi (Getty Images)

Tre anche i calciatori della Fiorentina coinvolti, Ribery, Amrabat e Malcuit, alla stregua del Bologna con Mbaye, Juwara e Barrow, anche se pare quest’ultimi tre non seguiranno le regole in modo integrale come Diawara della Roma. Sono musulmani osservanti anche Achraf Hakimi dell’Inter, Mehdi Demiral della Juventus da poco guarito dal Covid, Kalidou Koulibaly e Faouzi Ghoulam del Napoli e  Colley della Sampdoria.

Dunque un elenco piuttosto corposo che impegnerà anche allenatore e staff dei preparatori atletici in un programma di allenamento e di recupero adeguato per gestire al meglio le energie in vista di un finale di stagione ricco di impegni.