Milan-Genoa 2-1, pagelle e tabellino: Tomori-Kjaer un muro, Leao fantasma

Le pagelle di Milan-Genoa, il match delle 12:30 della 31^ giornata di Serie A. Tre punti importanti per la squadra rossonera

Milan
Il Milan esulta (©Getty Images)

Il Milan inizia bene il match con personalità e buon calcio. Arriva anche la rete, e la firma è ancora di Ante Rebic, al suo secondo gol consecutivo dopo quello al Parma. Un’esecuzione stupenda del croato che, di sinistro e di controbalzo, batte Mattia Perin dal limite dell’area. Pian piano però il Genoa cresce, e soprattutto inizia a fare un pressing molto alto. Da una situazione come questa nasce il calcio d’angolo che porta al gol di Mattia Destro, il quinto contro i rossoneri (terzo in stagione dopo la doppietta dell’andata). Si chiude così il primo tempo con il risultato di 1-1.

La squadra di Pioli ritorna ad essere pericoloso nei primi minuti del secondo tempo: Rebic fallisce una rete praticamente fatta, Kjaer sfiora il palo con un colpo di testa sugli sviluppi del calcio d’angolo. Poi arriva la rete, ma è un autogol di Scamacca, proprio l’osservato speciale di questa partita. Il Genoa torna in vita nei minuti finali con una grandissima doppia occasioni: fantastici Kjaer e Tomori che salvano sulla linea. Il Milan porta a casa tre punti e, dopo oltre due mesi, ritrova la vittoria in casa.


Leggi anche:


Milan-Genoa, i voti dei rossoneri

Donnarumma 5 – Errore gravissimo in uscita nei minuti finali di match, per fortuna dietro di lui sulla linea ci sono Kjaer e Tomori che salvano due gol.

Kalulu 6 – L’unico errore della partita è un ritardo nel seguire la linea e che regala una verticalità a Destro, per il resto è attento in entrambe le fasi e si conferma un’ottima pedina (dal 63′ Dalot sv).

Kjaer 7 – Sontuoso, oggi particolarmente impeccabile. Ha sfiorato anche la rete.

Tomori 6,5 – Evidente l’errore sulla rete subita: una pessima marcatura che consente ad un attaccante esperto come Destro di prendere il tempo e fare gol. L’unica macchia di una partita positiva per senso della posizione e reattività. Si fa perdonare nel finale quando salva sulla linea il tiro di Behrami.

Theo Hernandez 6 – Tanta corsa e sempre presente lì in alto a sinistra, una chiara dimostrazione che sembra aver ritrovato la condizione fisica. Pecca invece nelle giocate e nelle idee.

Kessie 6,5 – Altra prestazione di sostanza dell’ivoriano, sempre impeccabile nel coprire le zone di campo e aiutare la difesa a recuperar palla.

Bennacer 6– Sta crescendo e, a tratti, sembra di vedere il Bennacer pre infortunio. Qualche leggerezza di troppo nei passaggi ma migliorerà (dal 73′ Tonali sv).

Saelemaekers 5 – Mai nel vivo delle azioni rossonere, dà sempre il suo contributo in termini di presenza ma nessun colpo (dal 63′ Brahim Diaz 5 – Non dà quello che Pioli si aspettava per il suo ingresso in campo. Partita complicata anche perché ben marcato dai forti centrocampisti avversari).

Calhanoglu 6 – La condizione fisica c’è, perché si muove e ha ritmo. Ma sbaglia praticamente tutte le scelte, dal passaggio al tiro. Sembra di rivedere il Calhanoglu del pre-lockdown (dall’88’ Krunic sv).

Rebic 6,5 – Le due facce di Ante: fa un gol pazzesco, ne sbaglia uno facile facile ad inizio ripresa. Si conferma un giocatore importante per questa squadra (e al secondo gol consecutivo).

Leao 3 – Nel primo tempo tocca 10 palloni, tutti inutili o sbagliati. Partita senza personalità, senza fame, senza qualità (dal 63′ Mandzukic 6 – Decisivo per l’autogol di Scamacca perché toglie al giovane collega la possibilità di vedere quando arriva la palla).

Il tabellino di Milan-Genoa

MILAN (4-2-3-1): G. Donnarumma; Kalulu, Kjær, Tomori, Hernández; Bennacer, Kessie; Saelemaekers, Çalhanoğlu, Rebić; Leão. A disp.: Moleri, Tătărușanu; Dalot, Gabbia, Romagnoli; Castillejo, Díaz, Hauge, Krunić, Meïte, Tonali; Mandžukić. All.: Pioli.

GENOA (3-5-2): Perin; Goldaniga, Radovanovic, Masiello; Ghiglione, Strootman, Badelj, Zajc, Cassata; Destro, Scamacca. A disp.: Paleari; Biraschi, Onguéné, Zapata; Behrami, Czyborra, Melegoni, Portanova, Rovella; Pandev, Pjaca, Shomurodov. All.: Ballardini.

Arbitro: Calvarese.

Marcatori: 13′ Rebic, 37′ Destro, 68′ aut. Scamacca