SuperLega, l’attacco di Yonghong Li: “Tutto organizzato per soldi”

Con la baraonda attorno alla SuperLega torna a parlare Yonghong Li, ex presidente dell’AC Milan. È duro il suo attacco alla competizione 

Yonghong Li
Yonghong Li (©Getty Images)

In una giornata come oggi si fa davvero fatica a parlare d’altro. Il tema “SuperLeague” si è insidiato in qualsiasi mezzo di comunicazione, digitale e tradizionale. La creazione della nuova competizione ha portato tantissimi personaggi dello sport e non, ad esprimere un giudizio sulla questione.

Uno tra questi, in ambito Milan, è Yonghong Li, presidente rossonero negli anni 2017/2018. Il dirigente cinese si è espresso senza mezzi termini, e ha accusato la SuperLeague di un eccessivo mercenarismo. In poche parole, secondo l’ex presidente del Milan (uno tra i 12 club fondatori della SuperLega) la competizione è stata creata puramente per arricchire le tasche di una fascia ristretta di club di calcio, e ciò provocherà inevitabilmente una gran divisione:


Leggi anche: 


La Superleague è incentrata su una sola cosa: i soldi. È a vantaggio di pochi, e non dei tifosi. Dobbiamo invece sforzarci di rendere il calcio più inclusivo e meno divisivo. Non è questo il modo”. È questo il pensiero di Yonghong Li espresso sul proprio canale Twitter.