Ibrahimovic indagato dalla UEFA: la possibile sanzione

Procedimento in vista per Zlatan Ibrahimovic per via della partecipazione ad una società di scommesse. Ecco la possibile punizione per il rossonero.

Zlatan Ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic (©Getty images)

Non una giornata positiva per Zlatan Ibrahimovic quella di ieri. Innanzitutto ha visto dalla televisione il suo Milan cadere sotto i colpi di una bella Lazio, sentendo forte il rischio di non accedere alla prossima Champions League nonostante i tanti sforzi.

Inoltre ad Ibra sono giunte due novità a livello disciplinare e personale. In primis la multa in arrivo dalla Procura Federale per l’ormai noto scontro verbale con Romelu Lukaku nel derby di Coppa Italia. Poi l’ufficialità del procedimento UEFA nei suoi confronti.

Tutta colpa della quota di partecipazione del 10% che Ibrahimovic ha all’interno di Bethard.com, noto brand di scommesse sportive. Secondo le norme di UEFA e FIFA, lo svedese sarebbe implicato in un’azione imprenditoriale non legale: ai tesserati di club calcistici è infatti vietato avere quote o partecipazioni in società di betting.


Leggi anche:


Niente squalifica per Ibra: si parla di sanzione economica

Intanto i quotidiani odierni hanno parlato di quella che potrebbe essere la sanzione a cui Ibrahimovic andrà incontro. L’attaccante del Milan è ritenuto colpevole di aver violato tale norma e dunque certamente verrà punito dagli organi competenti.

La UEFA non sembra intenzionata ad assegnare squalifiche pesanti a Ibra. Il classe ’81, che ha da poco rinnovato il contratto con il Milan fino al giugno 2022, dovrebbe cavarsela con una multa piuttosto salata. Questa l’interpretazione della Gazzetta dello Sport.

Parere simile per l’edizione odierna de Il Giornale, che però vede questa sanzione per Ibrahimovic come una prima mossa della UEFA per punire i club facenti parte della discussa Superlega. Il quotidiano scrive che Ceferin e compagnia alzeranno il tiro in fatto di sanzioni e demeriti nei confronti delle società fondatrici.

Intanto il Milan si sarebbe già cautelato. Nel rinnovo contrattuale siglato qualche giorno fa con Ibrahimovic sarebbero state inserite delle postille che eviterebbero esborsi esagerati al club a livello di ingaggio. Nel caso in cui Ibra, per infortuni o altri tipi di stop, dovesse giocare molte meno gare del previsto.